Un sacerdote: “l’obbedienza è virtù fino a quando non diventa complicità ai comandi ingiusti”


“Bisogna obbedire a Dio invece che agli uomini“, dice San Pietro davanti al Sinedrio degli ebrei, che lo accusava di disobbedienza.

È il principio della vera libertà. Non sempre l’obbedienza è una virtù: può essere segno di complicità con una autorità che dà comandi ingiusti.

I capi d’Israele avevano detto di non predicare nel nome di Gesù, di non dire nulla di lui.

Ma Pietro ben sapeva di aver ricevuto, lui con gli altri Apostoli, da Gesù in persona il comando di predicare.

Nel suo nome, inoltre, avevano compiuto prodigi e segni. Come tacere dunque? A chi obbedire: agli uomini o a Dio?

Ebbene, oggi si ripropone in scala più grande la stessa domanda. “Non fate proseliti! Ogni religione è buona. Non vi radunate la domenica: c’è pericolo di contagio. Non prendete l’Eucaristia: fate la Comunione spirituale. Chiese chiuse; niente Messe!”.

D’altra parte, c’è Uno che dice: “Ricordati di santificare le feste”. A chi obbedire?

UN SACERDOTE DELLA CHIESA CATTOLICA


Subscribe
Notificami
7 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments

al tuo vescovo, caro confratello!

Mi sono meravigliata, come mai alla Messa di Santa Marta, il Santo Padre non ha fatto l’Omelia sul Vangelo di S. Pietro ma sulla prima lettura! Ho pensato la stessa cosa di questo sacerdote, grazie infinite, che Dio la Benedica!

La domanda che si pone codesto Sacerdote coraggioso, me la sono posta anch’ io. È vero, come dice Don Claudio Chiozzi, che il sacerdote deve ubbidire al vescovo e, aggiungo, come il vescovo al Papa, ma il Papa (che stimo e ammiro) deve ubbidire a Cesare o a Dio? E che dire, caro Sacerdote coraggioso, della piscina di Lourdes? Sono o non sono miracolose la sue acque? Sa che le dico, caro Sacerdote coraggioso, che satana, divertito, si sta prendendo gioco di tutti noi. Che Dio la benedica e la sostenga nel suo santo coraggio.

C’è lo siamo chiesto in tanti,ma perché non regolarizzare l’ingresso in chiesa e far si di poter accedere ai Sacramenti con le dovute cautele?Come mai la Chiesa non si è organizzata in tal senso? Speriamo che qualcuno legga queste nostre istanze e provveda

Non sono mai stata d’accordo a queste misure dittatoriali poiché esse erano e sono un piano demoniaco. Mi sorprende anche che i tanti esorcisti che vi sono in tutta Italia non se ne rendono conto poiché a loro dire ” Obbediscono ” . Anch’io mi chiedo….a chi?

Obbedire al Papa, successore di quel Pietro su cui Gesù ha fondato la sua Chiesa e contro cui le forze del male non prevarranno. Il Papa non si è svegliato una mattina e ha deciso che non si dovevano più amministrare sacramenti , celebrare Messe o distribuire comunioni, si è sentito obbligato, per l’incolumità di milioni di fedeli, di aderire alle leggi dello stato. Gesù ha parlato contro i capi del Sinedrio, quei grandi sacerdoti che ha paragonato a sepolcri imbiancati che avevano dimenticato la fedeltà al loro Dio e cercavano dalla loro posizione interessi personali. Povero papa Francesco messi alla gogna perchè come Gesù ha detto di dare a Cesare quello che è di Cesare, in questo caso la cura dei corpi e a Dio quello che è di Dio. E la Chiesa nel Papa e in tanti sacerdoti che ci hanno rimesso pure la vita non si è risparmiata per stare spiritualmente vicino ai propri figli. Un poco di ubbidienza e un poco di umiltà da parte di tanti non sarebbe una cattiva cosa.

Obbedire al Papa, successore di quel Pietro su cui Gesù ha fondato la sua Chiesa e contro cui le forze del male non prevarranno. Il Papa non si è svegliato una mattina e ha deciso che non si dovevano più amministrare sacrameni , celebrare Messe o distribuire comunioni, si è sentito obbligato, per l’incolumità di milioni di fedeli, di aderire alle leggi dello stato. Gesù ha parlato contro i capi del Sinedrio, quei grandi sacerdoti che ha paragonato a sepolcri imbiancati che avevano dimenticato la fedeltà al loro Dio e cercavano dalla loro posizione interessi personali. Povero papa Francesco messi alla gogna perchè come Gesù ha detto di dare a Cesare quello che è di Cesare, in questo caso la cura dei corpi e a Dio quello che è di Dio. E la Chiesa nel Papa e in tanti sacerdoti che ci hanno rimesso pure la vita non si è risparmiata per stare spiritualmente vicino ai propri figli. Un poco di ubbidienza e un poco di umiltà da parte di tanti non sarebbe una cattiva cosa.