Gran Bretagna, molti cattolici chiedono la riapertura delle chiese


[sg_popup id=”1003″ event=”inherit”][/sg_popup]

Il “lockdown” della Gran Bretagna scattato il 23 marzo per contenere la diffusione del coronavirus ha previsto la chiusura degli edifici di culto di tutte le religioni e la sospensione di ogni funzione.

La Chiesa d’Inghilterra si è allineata alle indicazioni del governo accordando solo due piccole concessioni: il funerale, ristretto ai parenti più vicini al defunto, presso cimiteri e crematori, e il battesimo in casa o in ospedale ma solo nei casi di urgenza.

Chiusi i battenti di 2.977 parrocchie, la Chiesa cattolica ospita su una piattaforma online Messe e preghiere, prediligendo il telefono per il supporto spirituale dedicato alle persone più vulnerabili e sole. Sono in molti, nella comunità cattolica come in quella anglicana, a chiedere la riapertura delle chiese.

Il video I love the Churchdiffuso su Youtube sintetizza gli umori dei fedeli: perché, si chiedono, negare l’ingresso ai luoghi di culto, magari organizzato per turni, quando è invece possibile accedere ai piccoli negozi di generi alimentari?

Angela Napoletano – Avvenire


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments