11 maggio, a 410 anni dalla morte lettera al gesuita Matteo Ricci sulla Cina

 

“Caro padre, Tanti secoli ci separano, eppure mi sembra appropriato rivolgermi a te con una lettera, per poter dirci delle cose che a me sembrano rilevanti, su qualcosa che io e te abbiamo in comune: la Cina. Quando si parla di Cina, il tuo nome viene sempre fuori, specialmente in relazione con l’ evangelizzazione di questo grande paese. Io, che osservo il modo in cui il tuo nome viene usato, a volte mi sento un pochino a disagio. A disagio, perché penso che a volte il tuo nome venga strumentalizzato per farti sembrare quello che forse non sei stato veramente. Certamente tu sei stato un grande amante del popolo cinese, ne hai apprezzato la cultura, la grande storia, il grande potenziale. La tua missione, in tempi in cui essere missionari era veramente molto complicato, non fosse per i viaggi che non erano quelli di oggi, è stata certamente importante, anzi posso dire fondamentale. Ma non vorrei dimenticare, che la tua missione era quella di uno che andava in Cina non per fare amicizia con il popolo cinese ma per convertirli al Vangelo, per farli entrare nella Chiesa cattolica per la loro salvezza. Quindi, tutti coloro che parlano di te come se fossi soltanto interessato a fare amicizia con i cinesi per l’amicizia in se stessa, a mio avviso profondamente tradiscono quello che era il tuo vero scopo…”.

Così comincia il pamphlet “Il bene più prezioso – Lettera a Matteo Ricci sulla Cina“, una lettera immaginaria che l’autore, il Maestro ed editore Aurelio Porfiri, indirizza al grande missionario gesuita per parlare di molte cose, di cosa è la missione, di cultura cinese, delle differenze fra noi e loro il cui riconoscimento solo permette di costruire un vero rapporto, di amicizia, di Cicerone e di grattacieli…

Nel libro Aurelio Porfiri, scritto per commemorare i 410 anni dalla morte del gesuita Matteo Ricci (che ricorrono l’11 maggio 2020), fa il punto, in modo breve e conciso, su alcune errate concezioni che fanno concepire l’opera di questo grande missionario in un modo non confacente al suo spirito più autentico.

Aiuta “Informazione Cattolica”, aggiungiti ai nostri social:

FACEBOOK (CLICCA QUI) TWITTER (CLICCA QUI)
YOUTUBE (CLICCA QUI) INSTAGRAM (CLICCA QUI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Giuseppe Brienza (Radio Mater) sulla "risposta cristiana alla crisi pandemica globale"

Lun Mag 11 , 2020
  Nell’intervista concessa il 7 aprile scorso al giornalista britannico Austen Ivereigh e pubblicata simultaneamente […]