La provincia canadese dell’Alberta vieta la distribuzione della comunione


 

In una provincia del Canada il 14 maggio 2020, dopo le restrizioni imposte a causa della pandemia del coronavirus, hanno riaperto i battenti le Chiese ma con una clamorosa novità: alle chiese cattoliche dello stato dell’Alberta è stato vietato di distribuire la Santa Comunione.

Secondo la Guida provinciale per i luoghi di culto , i servizi religiosi “non devono includere la condivisione di cibo o bevande” e “non devono includere alcun contatto tra membri della comunità come la stretta di mano o la condivisione di oggetti comuni”.

La guida afferma inoltre che “il canto in coro è un’attività ad alto rischio e non è consentito”.

I vescovi cattolici dell’Alberta, devono ancora rispondere pubblicamente alla guida. “I vescovi si consulteranno ulteriormente con il Chief Medical Officer of Health (Deena Henshaw, ndr.) mentre continuano a discernere un piano per una graduale reintroduzione delle masse pubbliche, quindi l’arcivescovo non è pronto a commentare in questo momento”, ha detto Lorraine Turchansky, portavoce dell’arcivescovo di Edmonton Richard Smith.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments