Padre Giuseppe Tagliareni: “doglie in arrivo e il parto sarà travagliato…”


 

Chi dirige l’evangelizzazione è sempre il Signore. Egli è presente ben prima che giunga l’apostolo e rimane a far germogliare la parola quando l’apostolo se ne va. A Corinto, molti credettero alla predicazione di Paolo, nonostante l’invidia e l’ostilità dei Giudei, che tentarono di farlo condannare. Gesù lo aveva prevenuto e confortato in una apparizione, dicendogli: “Non aver paura; continua a parlare e non tacere, perché io sono con te”. Questa è la forza segreta dell’apostolo, contro cui nessuno ha potere.

Paolo aveva sperimentato la potenza di Gesù quando fu atterrato sulla via di Damasco, dove si stava recando per catturare i cristiani. Capì allora che Gesù è il Signore, che è vivo ed operante e che lui, Saulo, si trovava a combatterlo. Ora invece a Corinto, completamente trasformato in suo apostolo, vede Cristo come l’alleato, il suo sostegno, la sua forza invincibile, il suo conforto, il suo aiuto indefettibile, che lo rende forte e glorioso.

La passione e morte di Cristo sono stati come un parto doloroso, che la gioia immensa della risurrezione ha fatto subito dimenticare. I discepoli veri hanno la stessa sorte del divino Maestro: ci sono doglie in arrivo e il parto sarà travagliato; ma il Cielo si apre agli eletti e una nuova èra spunterà sulla terra. E grande sarà l’Alleluja!


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments