“La donna è la casa dell’uomo”. La Sacra Bibbia docet!


 

Poi il Signore Dio disse: «Non è bene che l’uomo sia solo: gli voglio fare un aiuto che gli sia simile». 19Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. 20Così l’uomo impose nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli del cielo e a tutte le bestie selvatiche, ma l’uomo non trovò un aiuto che gli fosse simile. 21Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull’uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto. 22Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all’uomo, una donna e la condusse all’uomo. 23Allora l’uomo disse: «Questa volta essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa. La si chiamerà donna perché dall’uomo è stata tolta». Per questo l’uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne (Genesi 2, 18-24).

Dio dopo aver creato tante realtà buone, dopo aver creato l’uomo che è molto buono, afferma per la prima volta che qualcosa non è cosa buona. Non è buono che l’uomo sia solo. Dio ci sta dicendo che la stessa relazione con Dio o qualsiasi altra cosa non possono colmare il senso di vuoto, la grande solitudine che l’uomo ha nel cuore. Ha bisogno di un aiuto. La Bibbia traduce così. Il significato della parola ebraica, in realtà, è molto più forte. E’ l’alleato che viene in soccorso e salva da morte certa. La relazione con la donna permette all’uomo di sfuggire alla morte. Questo termine è così forte che in tutta la Bibbia è attribuito a Dio stesso quando interviene per salvare il suo popolo. La solitudine mette a rischio la stessa esistenza dell’essere umano. Non solo Dio pensa a un aiuto, ma questo aiuto deve essergli simile. Il termine ebraico indica qualcosa di molto più complesso. Indica una creatura che gli sia opposta, che sta davanti all’uomo e lo guarda, faccia a faccia. Non solo, qualcuno che racconta di lui. Un aiuto con cui entrare in relazione, in dialogo. Che sappia mettere in luce l’alterità, la reciprocità e la complementarietà.

Ogni persona è l’altro. Questi versetti ci stanno dicendo che siamo fatti per essere amore e l’amore è possibile solo nella relazione. Siamo ad immagine di Dio e anche Dio è relazione nella Trinità. Nel matrimonio viviamo in profondità e in pienezza questo desiderio di incontrare un altro che sia complementare e diverso. Un tu che ci sia diverso.

Ed ecco che Dio diventa chirurgo. Bellissimo il modo in cui crea la donna. L’uomo viene addormentato, Dio prende una costola e crea la donna da quella costola. Cerchiamo di comprendere alcune dinamiche. L’uomo è passivo. Non ha nessun ruolo. La donna non è creata secondo i desideri dell’uomo, ma secondo il desiderio di Dio. L’uomo non può farne cosa sua. L’uomo non conosce neanche come la donna è stata creata. Stava dormendo. Così come la donna non sa come è avvenuta la creazione dell’uomo. Perchè è importante sottolineare questo? Perchè nella mentalità ebraica conoscere a fondo come sono fatte le cose permette di dominarle. Sapere tutto di qualcosa ci permette di avere un dominio su di essa.

Invece qui non è così! L’uomo e la donna resteranno per sempre un mistero l’uno per l’altra. Solo così possono essere un dono reciproco l’uno per l’altra. Non si potranno mai dominare, ma solo accogliere e donare. Quando ciò accade e si cerca di dominare quel mistero si distrugge l’amore e si rende meno uomo o meno donna colui/colei che si cerca di dominare. Perchè non è più libero/a di essere ciò che è.

Proseguiamo con il testo. La Bibbia traduce costola, ma il termine ebraico indica qualcosa di più generico, indica il lato. Uomo e donna sono due lati della stessa creatura. Smettiamola di usare questi versetti per giustificare una presunta inferiorità della donna rispetto all’uomo, perchè tratta da lui. Non è così. Queste parole dicono esattamente l’opposto. Oltretutto che a riportarlo sia un testo di centinaia di anni prima di Cristo e redatto all’interno di una cultura maschilista e patriarcale è sorprendente. Non può venire che da Dio! In realtà il testo ci sta dicendo che la donna essendo stata creata dall’uomo è della stessa pasta dell’uomo. Hanno pari dignità. Non vale meno.

La donna essendo stata creata dall’uomo è della stessa pasta dell’uomo. Hanno pari dignità. Non vale meno.

Dirò di più! Il torace da cui viene prelevata la costola è la parte nobile dell’uomo, dove c’è il cuore. La donna viene creata con il meglio dell’uomo. Questo brano andrebbe letto in ebraico. Della donna si parla proprio come della costruzione di un edificio. Viene edificata. La donna è la casa dell’uomo. La sua protezione. Luogo dove viene custodito il cuore dell’uomo. Per me è stato davvero così e lo è tuttora. Proprio la femminilità della mia sposa, il suo essere donna fino in fondo mi permette e mi dà forza e determinazione per dare il meglio di me. Accogliere la sua diversità è qualcosa di estremamente affascinante e meraviglioso. Qualcosa che mi porta a rispettare quel mistero così bello che è Luisa per me, che è la donna per l’uomo. So che finchè il mio cuore appartiene a lei è al sicuro dall’egoismo che sempre mi tenta.

Pensate che i beduini del medio oriente usano un modo di dire molto indicativo. Quando dicono di una persona è la mia costola, vogliono dire che quella persona è il loro vero amico. Non è così anche per noi sposi. Luisa non è per me solo moglie e amante ma e anche la mia migliore amica. Colei di cui ho più fiducia e a cui posso mostrarmi in libertà per quello che sono senza timore di essere giudicato o ferito (almeno non lo fa volontariamente)

Un rabbino ebreo ha detto una grande verità sulla donna: Dio non ha creato la donna dalla testa dell’uomo perchè fosse la sua dominatrice, non l’ha fatta dal piede perchè fosse la sua schiava, ma dalla costola perchè gli sia compagna di pari dignità e sia vicina al suo cuore. La donna è nata da una costola che sta un po’ più in basso del braccio per essere protetta e vicino al cuore per essere amata.

Il testo biblico sta evocando la meravigliosa dignità della donna e la profonda comunione che uomo e donna possono raggiungere e vivere in una relazione autentica. Bellissimi i versetti dove Dio conduce la donna all’uomo. Come un padre conduce la sposa all’altare per affidarla allo sposo. Questo è il significato profondo del matrimonio. Dio mi ha affidato Luisa, la Sua figlia prediletta affinchè io la potessi amare. E in quella relazione fossi capace di donare il mio cuore alla mia sposa e lei lo custodisse dentro di sè per essere una sola creatura, nella differenza delle nostre persone, ma nell’unità dello stesso amore che ci lega e ci fonde l’uno all’altra.

Fateci caso: solo dopo aver ricevuto la donna come dono da parte di Dio l’uomo, finalmente uscito dalla sua solitudine, parla. Cosa dice? Dice in estrema sintesi: lei è me. Lei è da me. Siamo della stessa natura. Dio ci ha fatto uguali, della stessa pasta, ma differenti e complementari. Perchè proprio dalla nostra complementarietà potesse nascere una comunione profonda che diventa alleanza. Comunione che viene manifestata nella concretezza del corpo sessuato di un uomo e di una donna.

La Bibbia nella parte conclusiva afferma: i due saranno una sola carne. Ci dice che questa profonda unità nella diversità, l’essere una sola cosa non è un processo che avviene subito ma è qualcosa che può avvenire in un percorso di crescita e di progressione. E’ un compito meraviglioso da realizzare nel tempo. E’ un po’ la finalità del matrimonio. Una relazione tra un uomo e una donna uniti da Dio che durante tutta una vita insieme imparano ad entrare in una relazione che investe tutte le loro persone in mente, volontà, anima e corpo per farle diventare sempre più una carne sola, una persona sola. Anche per l’unione fisica degli sposi segue questa dinamica. Spesso sento dire che con il tempo ci si stanca di fare l’amore sempre con la stessa persona. Tutte scemenze. Per chi nel matrimonio fa esperienza di questa sempre maggiore comunione fare l’amore diventa sempre diverso e sempre più bello perchè quel gesto esprime nel corpo una comunione sempre più profonda dei cuori.

Antonio e Luisa
Matrimonio Cristiano

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments