Esclusivo. Maria Stella Barone: “l’Italia non tutela le famiglie, specialmente quelle con figli disabili”


 

 

InFormazione Cattolica ha lanciato un nuovo spazio informativo che abbiamo chiamato “TERZO GRADO A…”. Si tratta di un’intervista curiosa, aperta a personalità pubbliche ma anche ai nostri lettori (mandate le vostre risposte a: redazione@informazionecattolica.it). Come è noto l’espressione “interrogatorio di terzo grado” (in inglese “third degree”) indica “il ricorso indiscriminato a metodi coercitivi per ottenere confessioni da persone sospettate di un crimine”. Naturalmente noi lo intendiamo in senso figurato, cioè come “una serie di domande poste in maniera incalzante”.

Oggi la redazione di (In)formazione Cattolica ha rivolto l’intervista curiosa a Maria Stella Barone, di Messina, sposata e mamma a tempo pieno. Ha insegnato per 17 anni in un istituto religioso della sua città ma poi ha smesso per potersi dedicare esclusivamente alla famiglia, il cui ultimo arrivato è un bimbo “nato” con un cromosoma in più… Ha scritto due libri sulla sua esperienza di mamma di un bimbo speciale che le ha donato “altri occhi” per vedere ciò che conta davvero nella vita e, attualmente, ne sta scrivendo un terzo a proposito dell’altra importante esperienza che la vita gli ha appena posto innanzi: il cancro.

***

Una persona famosa che si avvicina al tuo ideale… Maria di Nazareth, Lei è il mio ideale.

Una tua fobia… Il mare.

La materia più amata e quella più odiata da studente… L’italiano la più amata,la matematica la più odiata.

Una cosa che hai sempre voluto fare e non hai mai fatto? Studiare pianoforte.

Qual è la tua più grande passione? Leggere testi di mistica.

Qual è il tuo motto? Io non ne ho uno, ma ho fatta mia una Parola di Gesù che dice: “Io sarò con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo”. L’ho scritta ovunque, dal cellulare alle agende di casa, mi dà molta forza e molta speranza leggerla spesso.

Un oggetto al quale sei particolarmente legata… Sembrerà strano ma io non riesco a legarmi ad oggetti o cose…

Il film più bello che hai visto… Senza dubbio “The Passion”, di Mel Gibson.

Il tuo programma tv preferito… Non ho programmi tv preferiti, anche perché guardo pochissima tv.

Il cantante (o gruppo musicale) preferito… Zucchero Fornaciari.

Il tuo sport preferito… Nessuno.

Il tuo piatto preferito e quello che proprio “non digerisci”… Le braciole di pesce spada “a ghiotta”, piatto tipico messinese, buonissimo!!!Le cose che proprio non digerisco sono ovini, caprini e selvaggina.

Lo Stato del mondo in cui ti piacerebbe vivere… Ho il privilegio di vivere nella nazione più bella del mondo: l’Italia.

Tra i vari problemi del mondo qual è quello che ti dà più fastidio? La mancanza di rispetto della dignità altrui.

Per informarti cosa gradisci… (indica un sito e/o un quotidiano e/o un periodico…)… Consulto esclusivamente giornali online.

Che personaggio storico ti piacerebbe essere? Nessuno, sono contenta di essere chi sono.

Il tuo massimo sogno di felicità… Il Paradiso.

Hai tatuaggi e/o piercing: perché hai scelto di farli? Per carità, mai fatti, ho sempre pensato che deturpino un capolavoro: il corpo che il Signore ci ha donato.

Un ricordo bello legato alla tua infanzia… Le feste trascorse dai nonni.

Pro o contro l’aborto e perché… Contro l’aborto finché avrò vita! La vita è infatti un dono che solo Dio può dare o togliere.

Pro o contro l’eutanasia e perché… Contro. Mi rendo conto che a volte alcune situazioni ci interroghino e ci appaiano penose,ma non possiamo togliere la vita a nessuno, non ci appartiene.

Pro o contro la legalizzazione delle droghe chiamate leggere e perché… Contro, perché esistono le droghe,non le “droghe leggere”. Tutte le droghe fanno male.

Credi nella vita su altri pianeti? No.

Che cos’è per te la famiglia? È sufficientemente tutelata in Italia? La famiglia è il mio mondo, la mia gioia, la mia realizzazione. Non penso che la famiglia sia tutelata oggi in Italia, tutt’altro! Soprattutto non sono tutelate le famiglie che, al suo interno, accolgono figli con disabilità.

Cosa pensi della credenza orientale chiamata reincarnazione? Io credo in Gesù Cristo e nella resurrezione.

Credi in una forma di vita dopo la morte terrestre (per es. paradiso, inferno, ecc.)? Certo,per me la morte è l’inizio della Vita vera. Credo nel Paradiso, inferno, purgatorio.

Credi negli angeli? Sì, credo che ognuno di noi ne abbia almeno uno accanto in particolare che ci accompagna nel cammino della vita.

Chi è per te Gesù Cristo? Forse sembrerà retorica la mia risposta, ma per me LUI è l’aria che respiro, e il mio TUTTO. È il mio Dio, il mio Creatore, il mio Salvatore. Da LUI provengo e a LUI dovrò ritornare.

Credi che possano verificarsi dei miracoli? Certo, ogni giorno accadono miracoli, bisogna solamente avere “altri occhi” per poterli cogliere.

Qual è il senso della tua vita? Come vorresti spenderla nel mondo? Personalmente penso che il senso della mia vita sia adempiere al progetto che Dio ha per me.Sicuramente in questo Suo progetto per me c’entra il mio essere moglie e madre che con amore si dedica alla famiglia. Spendendomi per la mia famiglia mi spendo automaticamente per il bene nel mondo, testimoniando ai miei figli quei valori che sono sicura sono anche i loro e che a loro volta testimonieranno al prossimo.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments