“Giustamente indignati per un’elefantessa. E per gli aborti chirurgici o farmacologici?”


 

“Un orrore indescrivibile, una violenza assurda quella perpetrata contro l’elefantessa incinta uccisa con un ananas pieno di petardi. Ma perché non si sente lo stesso strazio e la stessa indignazione nei confronti delle decine di milioni di bambini abortiti ogni anno per via chirurgica o farmacologica?” hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e famiglia onlus, di fronte alla storia un’elefantessa di 15 anni, incinta di due mesi, che è morta in India, nello Stato del Kerala, facendola esplodere con petardi nascosti in un ananas.

“Giusta la compassione per l’elefantino non nato ucciso, ma per i bambini non nati?” hanno poi proseguito.

“I decessi per aborto sono stati 42,4 milioni nel 2019. Bambini abortiti, capite? Questo cosa vuole dire? Che la prima causa al mondo per morte è quella dell’aborto. E nessuno si scandalizza di fronte all’emersione della compravendita di organi di bambini abortiti o dell’utilizzo di feti per i vaccini. Nessuno più si addolora di fronte a certe immagini di corpicini spezzati e raschiati via dai grembi” hanno concluso Brandi e Coghe.“


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments