Esclusivo. Il sen. Scilipoti: “l’ateismo porta alla disperazione, è il peccato più grande contro lo Spirito Santo”


 

Oggi la redazione di (In)formazione Cattolica ha rivolto l’intervista curiosa al Sen. Domenico Scilipoti Isgrò.

Come sapete InFormazione Cattolica ha lanciato un nuovo spazio informativo che abbiamo chiamato “TERZO GRADO A…”. Si tratta di un’intervista curiosa, aperta a personalità pubbliche ma anche ai nostri lettori (mandate le vostre risposte a: redazione@informazionecattolica.it). Come è noto l’espressione “interrogatorio di terzo grado” (in inglese “third degree”) indica “il ricorso indiscriminato a metodi coercitivi per ottenere confessioni da persone sospettate di un crimine”. Naturalmente noi lo intendiamo in senso figurato, cioè come “una serie di domande poste in maniera incalzante”.

Orgogliosamente siciliano (è nato a Barcellona Pozzo di Gotto-ME, Italia nel 1957) come ama definirsi, il senatore Scilipoti Isgrò è laureato in Medicina e Chirurgia, con specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. Ha iniziato il suo percorso politico nel 1983, come consigliere comunale per il Partito Socialdemocratico. Eletto Parlamentare alla Camera dei Deputati nell’aprile 2008 è stato successivamente rieletto Parlamentare al Senato della Repubblica nel marzo 2013. Dal 2016 è Presidente del Movimento Politico di Unione Cristiana. Tra i suoi ultimi libri: “Il dialogo, strada di pace” (2019) e “Diario di una Pandemia – COVID 19” (2020).

1. Una persona famosa che si avvicina al tuo ideale… Giulio Andreotti. Grande statista, amante del dialogo . Ingiustamente calunniato. Espressione del cattolicesimo sociale e Giuseppe Saragat statista . Determinante per la democrazia italiana per la scelta di fondare a palazzo Barberini 11 gennaio del 1947 Il partito socialdemocratico

2. Una tua fobia… ritengo di non avere fobie

3. La materia più amata e quella più odiata da studente… Più amata anatomia umana, la meno amata chimica

4. Una cosa che hai sempre voluto fare e non hai mai fatto? Astronauta

5. Qual è la tua più grande passione? Politica

6. Qual è il tuo motto? Il mio motto? La Verità vi farà liberi. Tanto di cappello al suo inventore

7. Un oggetto al quale sei particolarmente legato… Non c’è un oggetto in particolare

8. Il film più bello che hai visto… La leggenda dei trecento, una bella ricostruzione storica di una battaglia

9. Il tuo programma tv preferito… Focus, canale 35 digitale terrestre

10. Il cantante (o gruppo musicale) preferito… Domenico Modugno

11. Il tuo sport preferito…  Judo

12. Il tuo piatto preferito e quello che proprio “non digerisci”… Il mio piatto preferito spaghetti al pomodoro. Indigesti i peperoni

13. Lo Stato del mondo in cui ti piacerebbe vivere… Il Canada

14. Tra i vari problemi del mondo qual è quello che ti da più fastidio? L’iniquità, quale radice dei mali sociali

15. Per informarti cosa gradisci… (indica un sito e/o un quotidiano e/o un periodico…) Cnn per il rigore informativo e la verifica delle fonti

16. Che personaggio storico ti piacerebbe essere? Cicerone, ma anche Mosè

17. Il tuo massimo sogno di felicità… Dialogo, pace e verità

18. Hai tatuaggi e/o piercing: perché hai scelto di farli? Sono contrario alla pratica del piercing e del tatuaggio. Da medico nutro riserve sulla tutela della salute legata all’igiene con la quale spesso si fanno. Non li approvo neanche dal lato dell’estetica. Ma sono contrario soprattutto da credente. Il libro del Levitico ci dice: “Non vi farete incisioni nella carne, né tatuaggi” (19.28) e secondo San Paolo, lettera ai Corinzi, capitolo 6, il corpo è “Tempio dello spirito” merita sempre rispetto ed attenzione.

19. Un ricordo bello legato alla tua infanzia… Il mio primo giorno di scuola

20 e 21. Pro o contro l’aborto e l’eutanasia e perché… sono contrario ad aborto ed eutanasia per rispetto del comandamento del non uccidere. Inoltre il Magistero è chiaro sulla sacralità della vita umana dal momento del concepimento alla fine naturale. La vita è un dono di Dio del quale l’uomo non è padrone, ma diligente e responsabile amministratore.

22. Pro o contro la legalizzazione delle droghe chiamate leggere e perché… Sono contrario all’uso delle droghe e non concordo sulla cosiddetta distinzione tra leggere e pesanti. Liberalizzarle o legalizzarle è sbagliato per il messaggio educativamente negativo che manda.

23. Credi nella vita su altri pianeti? Potrebbero esserci forme di vita a noi sconosciute, questo significa che ogni cosa nell’Universo, compresi gli extraterrestri, sono conciliabili con Dio.

24. Che cos’è per te la famiglia. È sufficientemente tutelata in Italia? Per un credente, prendendo a modello la Santa Famiglia di Nazareth, quella che merita tal nome, pur avendo rispetto per chi la pensa diversamente, è composta da uomo e donna uniti nel sacramento del matrimonio, aperti al dono della vita. Altri tipi di unione non possono essere definiti famiglia.

25. Cosa pensi della credenza orientale chiamata reincarnazione? Con ogni rispetto per altre religioni, non credo alla reincarnazione, ma alla resurrezione della carne e alla vita eterna che verrà. Lo dice il Credo.

26. Credi in una forma di vita dopo la morte terrestre (per es. paradiso, inferno, ecc.)? Alla fine della nostra esistenza terrena ci sarà il primo giudizio e in base alle nostre opere di qui ci toccherà la beatitudine o la dannazione eterna. Spiacevolmente oggi nel nome di una malintesa misericordia che nega la giustizia, si tende a dimenticare i novissimi (morte, giudizio, inferno, paradiso) e la vecchia espressione: ricordati che morirai e non peccherai. Tutto questo per dire che credo e, l’ho detto, alla vita eterna, e sarebbe molto triste una esistenza senza la speranza di vedere il volto di Dio. Questo è il grande limite dell’ateismo, che porta alla disperazione, il peccato più grande contro lo Spirito Santo.

27. Credi negli angeli? Certo che credo agli angeli, messaggeri, naturalmente nostri protettori. Del resto, ce ne parla la Scrittura.

28. Chi è per te Gesù Cristo? Gesù? Figlio di Dio, mediatore col Padre , membro della Santissima Trinità. Maestro e guida, Profeta, Re e Sacerdote.

29. Credi che possano verificarsi dei miracoli? Credo nei miracoli, certamente. Sono la dimostrazione concreta della potenza di Dio, al quale tutto è possibile. Ci credo senza tralasciare la dimensione della ragione che è compatibile con la fede. Anzi, ragione e fede devono camminare di pari passo per santificare al meglio la nostra vita. Rendendo straordinario l’ ordinario.

30. Qual è il senso della tua vita? Come vorresti spenderla nel mondo?

Il senso della vita è un aspetto introspettivo e profondo, un viaggio personale alla scoperta di noi stessi, sulla vita e su Dio. Come vorrei spenderla nel mondo? Sicuramente cercando di dare il meglio di me condividendo le mie passioni e relazionandomi con gioia agli altri.

 


Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments

Il libro del Levitico ci dice: “Non vi farete incisioni nella carne, né tatuaggi” (19.28) e secondo San Paolo, lettera ai Corinzi, capitolo 6, il corpo è “Tempio dello spirito” merita sempre rispetto ed attenzione.
SULLA BASE DI QUESTE SCRITTURE E NON SOLO, COME FAREMO A TUTELARCI DALL’ID2020 E DAL VACCINO ATTRAVERSO IL CEROTTO MUNITO DI 400 AGHI?