Italia “una Cina in miniatura, grazie alla psico-setta orwelliana dei pentastellati”


Ieri numeri da Covid ai minimi storici: 18 morti e solo 151 nuovi contagi.

Ricordo che i teologi della scienzah dell’ISS sino a poche settimane fa dipingevano scenari catastrofici in stile film hollywoodiano con la riapertura delle attività economiche e delle libertà di movimento: ecatombe di morti, milioni di contagiati, sovraffollamento dei Pronto Soccorso, intasamento delle terapie intensive (151 mila). Niente di tutto ciò si è verificato deo gratias. Il Mago Otelma è più credibile.

Però siamo l’unico paese a imporre ancora le mascherine e la distanza di sicurezza. Il terrorismo psicologico è un’arma efficacissima per irretire e sfiancare le persone. Non si governa più con i plotoni di esecuzione e con le liste di proscrizione. Si governa con il controllo delle menti. La falsa emergenza sta portando milioni di cittadini ad accettare privazioni e violazioni dei diritti impensabili fino a pochi mesi fa: licenziamenti, ulteriore precarizzazione dei contratti, peggioramento delle condizioni lavorative, riduzione delle libertà personali, divieto ad interim dei diritti elementari.

L’Italia è diventata una Cina in miniatura, grazie alla psico-setta orwelliana dei pentastellati.

 

FEDERICA FRANCESCONI – FACEBOOK

 

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments