Alexander Görlach: “Erdogan usa i cristiani come capro espiatorio per i suoi fallimenti”

“Mentre il mondo è impegnato a combattere la pandemia di COVID-19, affrontando la disoccupazione di massa e la recessione globale, il governo turco sta approfittando della situazione per esercitare ulteriore pressione sulle minoranze”, ha detto Alexander Görlach del Carnegie Council for Ethics in International Affairs in un articolo pubblicato su Deutsche Welle.



Görlach accusa il governo turco di usare i cristiani come capro espiatorio per i suoi fallimenti nella politica estera.
Secondo questo esperto sullo stato della libertà religiosa nel mondo, i cristiani in Turchia sono perseguitati dal governo turco per distogliere l’attenzione dalle battute d’arresto in tema di politica estera che ha subito il sultano-presidente Recep Tayyip Erdogan.

La valutazione della difficile situazione dei cristiani turchi, una delle popolazioni cristiane più antiche del mondo, arriva dopo anni di molestie sistematiche contro le minoranze. I cristiani costituiscono solo lo 0,2% della popolazione turca, secondo il rapporto della Commissione per la libertà religiosa internazionale (USCIRF) del 2020 sulla Turchia. La stragrande maggioranza della popolazione, incluso Erdogan, sono musulmani sunniti.

Sebbene la costituzione turca “garantisca la libertà di coscienza, le credenze e le convinzioni religiose” e designi il paese come uno “stato secolare”, secondo l’USCIRF l’amministrazione Erdogan usa la retorica nazionalista islamica per discriminare le minoranze.



Contrariamente all’affermazione della Turchia presentata come uno stato secolare, laica, il governo ha creato una direzione per gli affari religiosi, che sovrintende alle pratiche musulmane nel paese, e una direzione generale per le fondazioni, che gestisce le attività dei gruppi religiosi di minoranza.

Il governo turco, inoltre, ha vietato le elezioni per i responsabili di gruppi non musulmani, lasciando alcuni di quei gruppi religiosi senza leader. Anche questo ha contribuito a far includere la Turchia nella “Lista di controllo speciale” per crimini contro la libertà religiosa, predisposta dall’USCIRF.

Solo per fare un esempio, la Chiesa apostolica armena è rimasta senza il suo patriarca di Costantinopoli per 11 anni, mentre il governo ne ha bloccato varie volte le elezioni.

Anche le istituzioni internazionali, che difendono la libertà religiosa, si sono allarmate quando agenti della sicurezza hanno arrestato padre Sefer Bileçen, un prete siriano ortodosso, con l’accusa di terrorismo solo perché aveva dato pane e acqua ai membri di un gruppo separatista curdo illegale. Sebbene il sacerdote abbia affermato di ritenere suo dovere cristiano aiutare coloro che si avvicinano alla porta del monastero, è stato accusato di “aiutare e istigare” i terroristi, accusa che viene punita anche con sette anni e mezzo di prigione.



Inoltre, il governo turco ha sequestrato molte terre cristiane che erano state abbandonate dalle locali popolazioni dopo le stesse sono state costrette a fuggire in seguito alla recente offensiva militare turca in Siria. Al loro rientro questi cristiano hanno scoperto di avere perso la disponibilità delle loro proprietà.

“Passo dopo passo, usando la retorica nazionalista e islamica, i cristiani in Turchia stanno diventando un utile capro espiatorio per Ankara. Erdogan ha calcolato male le sue azioni su vari fronti in Siria e in Libia e ora è alla ricerca di qualcuno che funga da diversivo”, ha concluso Alexander Görlach.

 

MATTEO ORLANDO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Tutti in silenzio se si tratta della barbarie dei governi islamici

Dom Giu 28 , 2020
Oltre 13.000 migranti sono stati abbandonati nel deserto del Sahara, tra di loro ci sono […]