La dissoluzione della Francia procede a passi spediti

Ex Francia.

Dai primi dati delle municipali si possono già annotare alcuni spunti.

Partecipazione alle urne molto bassa, e per la democrazia questa non è mai una buona notizia.

I moderati, o se vogliamo i conservatori, delusi e disorientati sono rimasti a casa, tranne a Le Havre dove il candidato comunista soccombe al premier Edouard Philippe che ora dovrà decidere il da farsi, una vera magagna per il governo.

Si registrano i successi della sinistra ecologista, a partire da Lione, Nancy, Bordeaux e Strasburgo.

A Marsiglia, dove vince la sinistra petalosa, si materializza il bacio della morte per una città perduta, da lì partiranno le rivendicazioni separatiste.

Buoni i risultati del RN di Marine Le Pen con, tra l’altro, la vittoria più che simbolica a Perpignan.

Disintegrato il partito di Macron En Marche che di fatto sparisce dalla mappa, la debacle di Parigi che conferma la discutibile Hidalgo a certificarlo.

La dissoluzione della Francia procede a passi spediti.

 

 

Lorenzo Capellini Mion

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Samantha Leshnak Murphy non si inginocchia e non si adegua al gregge...

Lun Giu 29 , 2020
E’ rimasta in piedi, in un mondo ipocritamente in ginocchio, per ribellarsi alla deriva del […]