La vittoria del cattolico Andrzej Duda è una sconfitta per l’Ue e la lobby liberal-Lgbt


Le presidenziali polacche riservano sempre battaglie all’ultimo voto. Avvenne nel 2015, quando Duda si impose di soli 3 punti percentuali.

Così è stato anche questa volta.

Con oltre il 99% dei seggi ormai scrutinati, il presidente uscente è in testa di circa 500 mila voti, un margine di sicurezza molto ampio, quando mancano all’appello meno dell’1% delle preferenze.

Duda è dato avanti di circa due punti e mezzo sullo sfidante, il liberal Rafal Trzaskowski, e dalla Commissione Elettorale hanno spiegato che le sezioni ancora mancanti non potranno ribaltare l’esito del voto.

Il cattolico Andrzej Duda è stato quindi riconfermato.

Quello che viene definito dai media di regime, anche in Italia, come esponente della destra xenofoba e populista, in realtà è un politico coerente con i principi del cattolicesimo in tema di famiglia naturale ed economia sociale di mercato non iper-liberista.

La vittoria di Duda rappresenta una sconfitta cocente per l’Ue e per il sistema liberal-Lgbt. Avevano, infatti, investito milioni di euro in questa campagna elettorale per abbatterlo, ma il popolo polacco ha vinto.

Se è vero che anche il presidente polacco, come quello italiano, ha scarsi poteri, tuttavia la sua funzione ha un valore simbolico non indifferente.

La voce unica massmediatica omosessualista, abortista, pro droga libera e per l’utero in affitto, ha subìto una batosta, nonostante i finanziamenti contro Duda arrivati da fuori della Polonia, nonostante sia stato fatto di tutto per spaccare lo stesso schieramento di centro-destra polacco e nonostante l’etichettatura, molto in voga sulle televisioni di regime in Italia, di un Duda riconfermato dalla popolazione anziana e rurale.

Adesso Duda garantirà una certa politica che non scadrà in derive etiche anticristiane. Ancora una volta il popolo polacco ha sconfitto il regime, perverso e corrotto, che controlla i grandi mass media e bombarda le menti dei loro ascoltatori. L’esempio dei polacchi potrebbe e dovrebbe essere seguito anche dagli italiani!

 

MATTEO ORLANDO

 


Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments

Viva gli italiani viva la mia patria. Viva l’Italia… Prendiamo esempio da loro

Prendiamo esempio da loro, Italiani svegliatevi !!!!!!!!!!