Apparizioni e profezie anche oggi interpellano i cristiani


 

Isaia vide la gloria di Dio tre volte Santo e venne consacrato Suo portavoce. Dio lo avvertì che avrebbe trovato durezza di cuore e cecità: è la sorte di ogni profeta.

A castigo e correzione del popolo eletto ci sarebbero state guerre e distruzioni; solo un “piccolo resto” sarebbe rimasto fedele e come un “ceppo santo” avrebbe dato germogli e discendenza.

Acaz re di Giuda venne assalito dal re di Damasco e quello di Israele coalizzati per spodestarlo. Tutta Gerusalemme fu percorsa da un tremito di paura. Isaia venne a confortare Acaz e gli predisse una nascita speciale di un bambino che sarà chiamato “Emmanuele” (Dio con noi), segno sicuro della Sua benevolenza e protezione.

I disegni dei nemici non si realizzeranno. “Ma se non crederete, non resterete saldi”. Acaz dubitò e cercò alleanze nell’Assiria, regno in grande espansione.

L’incredulità sarà la rovina; ma col “piccolo resto” Dio porterà avanti il Suo disegno di salvezza.

Gesù rimproverò le città che, nonostante la sua predicazione e i suoi miracoli, non si erano convertite.

Per castigo saranno trattate peggio di Sodoma e Gomorra. Apparizioni e profezie anche oggi interpellano i cristiani.

C’è chi si converte; ma le masse?

Il castigo sarà inesorabile. Solo un “piccolo resto” rimarrà fedele: quelli che appartengono a Maria.

 

Padre Giuseppe Tagliareni

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments