Non ci sono altre salvezze e altri salvatori fuori di Gesù Cristo


Santa Marta, col fratello Lazzaro, fece della sua casa di Betania, una vera oasi di ristoro e di pace per Gesù e i suoi apostoli, tutte le volte che questi andavano a Gerusalemme.

Pregò e ottenne la conversione della sorella Maria, che per la sua vita peccaminosa dimorava a Magdala.

Gesù amorevolmente la rimproverò quando tutta presa dai lavori di casa, trascurava di ascoltare come invece fece Maria, la parola del divino Maestro.

Pregò per Lazzaro e ne ottenne la risurrezione dopo la sua morte e fu fedele a Gesù fino al Calvario e dopo.

Davanti alla tomba di Lazzaro morto e sepolto da quattro giorni, espresse la sua viva fede nel Messia, che proclamò: “Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno” (Gv 11,25-26).

Serviva a mensa quando Maria cosparse di profumo il capo e i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi capelli.

Tutti e tre, Lazzaro, Marta e Maria furono per Gesù amici fedeli e lo aiutarono in tutto. Ed Egli ricambiò divinamente la loro amicizia.

Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà”. “Io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo”.

È la fede petrina, la fede paolina, la fede cattolica: non ci sono altre salvezze e altri salvatori fuori di Gesù Cristo.

 

Padre Giuseppe Tagliareni

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments