Aborto farmaceutico, “il ministro Speranza è un serial killer ideologico di sconfinata ignoranza”


“Dispiace dirlo, ma in Italia, in un momento così difficile, sulla poltrona di Ministro della salute siede un serial killer ideologico di sconfinata ignoranza”.

Così ha scritto su Facebook il sacerdote don Antonello Iapicca (nella foto).

“Impossibile accreditargli anche il minimo di credibilità e autorità. Perché i mandanti, in questo caso, sono più colpevoli dei sicari. È il potere della banalità del male, del nazismo in guanti bianchi, dell’inganno satanico sulla pelle e l’anima di madri e figli”, ha proseguito il Ministro di Dio.

“La 194 e queste linee guida sono sì una scelta di civiltà, ma di quella che nasce dalla pandemia della cultura di morte contro cui ha lottato sino alla fine San Giovanni Paolo II. Un passo avanti Ministro, verso il baratro dell’abominio più inverecondo, trascinando nella morte i più deboli e indifesi, madri e figli. Sì, questo è IL tempo dell’evangelizzazione senza paura, senza buonismi e senza moralismi. Annunciare Cristo per far tacere il demonio e salvare questa generazione. E che Dio abbia pietà dell’anima si questi politici che, probabilmente, ingannati, non sanno quello che fanno”, ha concluso don Iapicca.

 


Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments

Condivido pienamente ciò che ha scritto. Ma.noi Cattolici dobbiamo farci sentire, riunirci e protestare, perché altrimenti li ritengo peccati di omissione. DIO La Benedica per il Suo commento,ma tutti dobbiamo farlo manifesto.

Vista la mia età ( ero un giovane assistente universitario nel “68 ) ho potuto seguire l’evoluzione che ha subito l’educazione in Italia, sia quella famigliare, sia quella della Scuola (di ogni ordine e grado), sia quella Universitaria e post-universitaria. Un declino continuo, caratterizzato da una mancanza di metodo nell’apprendimento, di rigore nell’informazione e di progressiva mancanza di scientificità (oggi c’è il trionfo della tecnica senza seri fondamenti scientifici). Il relativismo imperante non è solo frutto di sciagurate ideologie, ma anche di questo declino che, giorno dopo giorno, ha generato il pensiero unico dominante in cui l’ Uomo da creatura di Dio si trasforma in “colui che si fa la Legge da sé “. Questo Ministro, questo Governo sono la logica conseguenza del processo ora descritto. Bisogna ridare dignità all’Uomo….