Ecco cosa indicano “veste nuziale”, “lampada accesa” e “olio abbondante”


 La fede nasce dall’ascolto della parola di Dio. Dio stesso la suscita, perché Egli è verità e amore che parla al cuore.

I semplici accolgono l’annunzio del regno di Dio e anche la via difficile della croce, come dimostra la vita di Gesù.

C’è invece, chi cerca cavilli e miracoli, come gli scribi e i farisei; chi è attaccato alla sapienza della carne: il potere, il vizio, le ricchezze, come Erode e i sommi Sacerdoti; chi ama la via larga del mondo: i piaceri a cui non si vuole rinunziare, la vita facile e comoda che cede volentieri a tutte le seduzioni del Maligno. Vogliono vivere per se stessi, sordi ad ogni richiamo del Cielo.

San Paolo, vero apostolo, si gloria di predicare “Cristo crocifisso: scandalo per i Giudei e stoltezza per i pagani” (1Cor 1,23); questa è la sapienza del cristiano, che porta ad amare quella croce su cui il Figlio di Dio distrusse i nostri peccati e ci aprì le porte del Cielo.

Sì, “è piaciuto a Dio salvare i credenti con la stoltezza della predicazione” (v.21).

C’è un giorno fissato per le nozze dell’Agnello e molti sono i chiamati; ma non tutti vi entreranno.

Oltre alla veste nuziale (la grazia), ci vuole la lampada accesa (la fede) e l’olio abbondante (la carità). L’attesa può essere lunga, ma lo Sposo verrà, magari quando meno te lo aspetti. Beato chi entrerà al banchetto delle nozze eterne!

 

Padre Giuseppe Tagliareni

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments