Uno scioccante tweet dalle élite massoniche che governano l’ONU…


Tweet dell’account ufficiale dell’ONU (non è un fake): “La pandemia covid 19 sta dimostrando ciò che tutti sappiamo: millenni di patriarcato hanno portato a un mondo dominato dagli uomini con una cultura dominata dagli uomini che danneggia tutti, donne, uomini, ragazze e ragazzi”.

Di fronte a queste farneticazioni che esprimono l’ideologia dominante, come dubitare che il Coronavirus sia uno strumento utilizzato per imporre vigliaccamente attraverso la paura, un unico pensiero, una unica cultura, una neo-umanità disumanizzata?

Il virus, con il corredo di notizie volutamente confuse e terrorizzanti, costituisce l’arsenale di bombe sganciate nel bombardamento che prepara l’invasione di terra delle truppe che dovranno imporre la nuova era disegnata dalle élite massoniche (quelle che governano l’ONU).

È l’invasione dei nuovi barbari che, in mille modi, stanno attaccando innanzitutto la Chiesa e i cristiani. E come al tempo delle prime invasioni solo comunità cristiane unite nella comunione e risplendenti della Verità e dell’Amore potranno arginare l’orda di menzogne e violenze sataniche che mirano ad asservire e dannare gli uomini. La missione della Chiesa è anche offrire un luogo salvezza e una testimonianza credibile di speranza a chiunque la deride e nega l’esistenza del demonio e dei suoi complotti contro Dio e contro l’uomo.

Perché i veri negazionisti sono quelli che negano l’esistenza del male e del suo padre, ieri rivelatosi nei lager, oggi nell’uso del virus, strumentale all’ideologia dominante, che ha come uno dei propri cardini il malthusianesimo, la cancellazione delle persone ritenute in esubero. Tutto torna, l’ecologismo catastrofista alla Greta, il gender, le tragedie dell’utero in affitto o artificiale, gli abomini dell’eugenetica, dell’aborto e dell’eutanasia, e poi l’odio innescato per opporre gli uni contro gli altri in un’esaltazione dell’egoismo superbo, i sensi di colpa instillati per anestetizzare le coscienze, le invasioni e ingerenze nella vita della Chiesa, tutto è parte di un piano satanico per l’estinzione e la dannazione dell’uomo, che passa attraverso l’asservimento delle menti con tecniche di manipolazione sempre più sofisticate. Ma sappiamo che le forze oscure del mistero dell’iniquità non prevarranno sulla Chiesa e i cristiani.

Occorre quindi temperanza e vigilanza per combattere la buona battaglia della fede. E per questo occorre difendere le nostre liturgie e i nostri incontri, la possibilità di predicare e ascoltare, la vita sacramentale e comunitaria. Costi quel che costi.

 

Don Antonello Iapicca – Da Facebook


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments