Con la perdita della fede si guarda solo ai beni della terra

Di Padre Giuseppe Tagliareni

 

In una comunità cristiana, si verificano tanti doni o carismi: parlare in lingue, profetare, operare guarigioni.

Ma sono doni che pur essendo utili, scompariranno nei cieli, dove tutto sarà conosciuto e perfetto.

Anche la fede e la speranza scompariranno; solo la carità resterà. Questo è il dono più grande: ci rende infatti, simili a Dio, che è Amore.

Solo chi è pieno di carità è veramente buono, paziente, umile, magnanimo, amante della verità e del bene del prossimo; “Tutto scusa, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta“(1Cor 13,7).

Oggi, col crescere dell’egoismo e della superbia, si accentra tutto sull’io e con la perdita della fede si guarda solo ai beni della terra. Così crescono le liti e le guerre. La violenza devasta la terra, fino ad uccidere i propri figli e abbandonare i propri genitori come rottami. E se avviene questo in seno alle famiglie nate dall’amore di due sposi, che sarà nei rapporti con altri, diventati di volta in volta avversari, concorrenti e nemici?

Dio provvede sempre ciò che è necessario alla salvezza: profezie, grandi Santi, grandi Pastori, che tutti possono conoscere.

Ma chi ha mala volontà trova tutte le scuse per non convertirsi: i miracoli non convincono, le profezie atterriscono, i Santi sono inimitabili. Se c’è Dio, poi si vedrà. “Per ora faccio come voglio io”, dicono. E poi?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Web-Tv, i programmi di oggi giovedì 17 settembre 2020

Gio Set 17 , 2020
  Una nostra selezione di alcuni programmi sul web.