Mamma (surrogata) RAI


 

Di Emmanuele Di Leo

In Italia l’utero in affitto è reato, punito anche con il carcere, secondo l’articolo 12 della legge 40 e anche recenti sentenze della Corte Costituzionale e della Cassazione lo hanno fermamente ribadito e confermato.

Da questa premessa partiamo per raccontarvi l’uscita a breve di un film-propaganda dal titolo “Tutti Insieme” in cui il registra e sceneggiatore italiano Marco Simon Puccioni racconta l’esperienza genitoriale sua e del suo compagno riguardante la nascita dei “loro” gemelli in America.

Se a tutto questo aggiungiamo che il film è prodotto da Rai Cinema, tv di Stato, con i soldi di tutti i contribuenti la vicenda è a dir poco vergognosa.

Nel lungo trailer del film il regista vuole offrire un quadro positivo della pratica dell’utero in affitto, dimenticando la sofferenza di molte donne schiave che prestano i loro uteri, vivendo in povertà nei paesi del terzo mondo e sfruttate come incubatrici di carne. Si dimentica il dato terribile che la maternità surrogata strappa sempre un bambino dalla sua madre biologica e lo rende oggetto di veri e propri contratti commerciali con garanzia di qualità e clausole di recesso del “prodotto” se non conforme tramite aborto eugenetico o abbandono.

E’ indegno che la Rai si abbassi a promuovere tali film e a renderli alla portata di tutti.

Questo metodo è ormai noto: attraverso un “racconto”, spesso pieno di sentimentalismo ed emotività, si mira a rendere “accettabile” ciò che non lo è e non potrà mai esserlo.

E’ lo stesso modus operandi utilizzato anche per altri temi che la propaganda del politicamente corretto e dei diritti senza limite ha intrapreso da tempi lontani ad esempio con l’eutanasia per la quale, un esempio tra molti, è il film “Tu prima di me” (tema molto simile al primo film-propaganda su questo tema “Io accuso”, prodotto dal regime nazista nel 1941) vincitore proprio di un premio dato dai teenager (americani) ai quali sempre più si rivolge questo tipo di marketing.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments