Le forze del male della Sinistra e la Chiesa di Gesù trionfante


Di Patrizia Stella

 

Davanti a un quadro pessimo e preoccupante, anzi perfino devastante dove sembra che le forze del male della sinistra avanzino inesorabilmente e trionfalmente su tutti i fronti, mentre noi poveri cattolici praticanti e credenti siamo ridotti all’osso e perseguitati e derisi e umiliati e offesi, cosa possiamo fare? Dove dobbiamo attingere il nostro coraggio per continuare a combattere quando ormai dobbiamo per forza riconoscere che siamo perdenti su tutti i fronti? E senza alcuna speranza di risorgere?

Questa è la grandissima prova della nostra fede, la stessa che probabilmente hanno passato e superato i santi, i martiri, i confessori nei periodi più tenebrosi della storia, ma è anche un’occasione straordinaria per vivere la fedeltà e il martirio del cuore che il Signore riserva proprio a noi, umilissime e fragili creature che gli vogliamo bene, per salvare le anime, anzi per cambiare le sorti della storia, proprio attraverso la nostra preghiera, sofferenza e penitenza.

E come Gesù ha accettato di salvare il mondo attraverso la sofferenza e la morte in croce, dandoci l’esempio del seme che, se muore, darà molto frutto”, così anche noi, se moriamo a noi stessi in questa umiliante tribolazione, in questa sofferenza interiore lancinante dove non si vede come una volta il nemico ben schierato a battaglia che avanza contro una Chiesa gloriosa che lo affronta col crocifisso e la preghiera, ma purtroppo siamo costretti a vedere la sconfitta e l’auto-distruzione della chiesa che amiamo che lotta contro sé stessa, se non ci fermeremo per strada a leccare le nostre ferite, allora avremo la gioia di gustare il giorno della vittoria, non per noi, ma per nostro Signore Gesù Cristo, ormai fin troppo offeso, umiliato, deriso, vituperato e peggio. E Lui che, umile, sta zitto, non si oppone, attende che “tutto si compia”. Quanto sei grande, Gesù mio!

Perché in realtà questa chiesa che distrugge sé stessa è la chiesa di Satana, mentre la vera Chiesa che sta risorgendo poco alla volta dalle sue ceneri e dalle umiliazioni peggiori, è la vera Chiesa di Gesù Cristo, Una, Santa, Cattolica, Apostolica, Romana chiamata di nuovo a risplendere dopo la grande battaglia che non sarà una battaglia normale tra due schieramenti politici o nazionali o altro, ma si tratta di un combattimento straordinario tra il potere delle tenebre e quello della luce, tra le forze preternaturali esoteriche di Satana e le forze soprannaturali di Gesù Cristo che gli ha dato il permesso di perseguitare la chiesa fino a questo punto estremo di lotta.

Non sappiamo quanto tempo passerà prima di vedere la Chiesa di Gesù trionfante, che sarebbe come vedere Gesù stesso che trionfa sul diavolo, la Madonna che schiaccia la sua testa orgogliosa e superba e ingannatrice, ma di una cosa siamo certissimi: della parola e della presenza di Gesù tra noi, con noi, e dentro di noi nella Santa Eucaristia. Tutto il resto lo mettiamo nelle sue mani, come ci consiglia un sacerdote veronese in concetto di santità mancato qualche anno fa, don Ferdinando Rancan in un suo libro dal titolo “Il tempo, l’eternità” con il quale fa capire come l’uomo, piccola creatura insignificante, ha ricevuto da Dio un grande onore, non solo quello di essere suo figlio, ma anche quello di partecipare alla Comunione con la Sua Vita Divina per tutta l’eternità, dopo aver superato sulla terra tutte le prove che si richiedono per diventare santi e guadagnarsi il Paradiso.

Anche se tutto questo per molti è un discorso pure nebuloso, abituati come siamo a fare i nostri poveri conti per far quadrare il nostro magro bilancio come se tutto finisse qui, tuttavia questo rappresenta davvero lo scopo principale della vita di ognuno di noi dopo la morte: giudizio di dio: Inferno o Paradiso. Non ci sono alternative ma ci fidiamo delle parole di Gesù: “Io vado a prepararvi un posto, e dove sono io sarete anche voi”.

Coraggio! Siamo sulla strada giusta. Il Paradiso ci attende.


Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments

bravissima

Bene, ma in passato la Chiesa è sempre stata molto forte. É solo oggi che è ridotta al lumicino. Forse anche essa dovrebbe ripensare se stessa.