Ai superbi Dio si nasconde, anche se sono biblisti e monsignori

Di Padre Giuseppe Tagliareni

 

Giobbe, davanti l’immensità di Dio presente nella creazione e nella storia, si umilia: “Io ti conoscevo solo per sentito dire, ma ora i miei occhi ti hanno veduto. Perciò mi ricredo e mi pento sopra polvere e cenere”(Gb 42,5).

A Dio piace l’umiltà; Egli si fa severo con i superbi, i duri di cuore, gli ipocriti, i negatori dell’evidenza. Ma a chi ama la verità Dio si rivela, anche se per contattarlo gridano, si lamentano, piangono.

Dio rigetta i tiepidi: li vomita, perché impigriscono senza mai accendersi del fuoco che da Dio stesso viene dato a coloro che lo cercano.

Dio premiò Giobbe per non aver perso la fede e per la fiducia che una risposta plausibile sarebbe arrivata dall’Alto. La prova servì a fare vedere che tutti i beni della terra sono volatili; che anche il giusto ha bisogno di un Redentore e che questi è solo Dio stesso. I suoi amici invece, furono castigati per i loro giudizi insipienti, che non seppero mostrare il vero volto di Dio.

Le potenze degli Inferi non possono nulla contro gli inviati di Dio, i cui nomi sono scritti nel cieli.

La ragione è perché in loro c’è Gesù. Lui solo può rivelare il Padre e lo fa con i “piccoli”, perché così a Dio piace.

Ai superbi Dio si nasconde, anche se sono biblisti e monsignori. Beati gli occhi che sanno vedere il Cristo vivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Il Partito radicale in Italia, appunti per una storia

Sab Ott 3 , 2020
DI OMAR EBRAHIME