Se l’opposto del terrorismo  è il ‘diritto’ alla blasfemia la Francia è messa male…


Di Diego Torre

La violenza cieca ed omicida non è mai giustificata. La chiamiamo infatti pazzia, ma a volte non è tale, bensì la coerenza  ad un pensiero ideologico. Il riferimento  è all’ultimo attentato di matrice islamica in Francia. Charlie Hebdo ha ripubblicato le vignette satiriche su Maometto, per la gioia di tutti i fans del politicamente corretto. Ciò ha suscitato la reazione di un giovane pakistano, che non “sopportava le vignette“, come ha dichiarato, ed ha pensato bene di andare a colpire gente inerme; non c’è scappato il morto per pura combinazione.

Un gesto moralmente ingiustificabile ma non incomprensibile. In Francia vige, col supporto delle leggi, un duro laicismo nemico di ogni forma di religione, che si ammanta esso stesso dei caratteri di una suprema lex a cui tutti devono piegarsi. Ne sanno qualcosa i martiri cristiani di Vandea e Bretagna massacrati durante la rivoluzione francese nel primo genocidio ideologico della storia. Lo vediamo nei tanti attentati e nelle chiese bruciate, nella lotta a tutti i simboli religiosi in atto in Francia. Esagerazioni?

I valori della laicitè li ha ribaditi il presidente della repubblica Emmanuel Macron il 2 settembre a Beirut: “In Francia c’è libertà di blasfemia”. Molto giusto e molto furbo; o no? E ciò detto proprio alla vigilia del processo contro 14 imputati per la strage jihadista che nel 2015 colpì la redazione del settimanale satirico, uccidendo 12 persone. Ma se l’opposto del terrorismo  è il diritto alla blasfemia, spacciata per libertà, la Francia è messa veramente male. E l’Italia? Si comincia sempre levando i crocifissi e i canti di Natale, e poi ….


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments