Chi presume di fare a meno di Chiesa e Battesimo non edifica la civiltà ma la barbarie

Di Padre Giuseppe Tagliareni

 

La discendenza di Abramo, padre di tutti i credenti, ricevette da Dio la Legge mediante Mosè nel deserto: un complesso di riti e norme che dovevano preparare un popolo ben disposto ad accogliere la salvezza. E questa doveva venire in Cristo, il Messia atteso; la Legge fu come “un pedagogo” (Gal 3,24) fino alla sua venuta.

Compiuta la redenzione, Gesù risorto comandò la predicazione e il Battesimo. “Quanti siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo… Se appartenete a Cristo, allora siete discendenza di Abramo, eredi secondo la promessa” (vv. 27.29). Questa porterà nel mondo la salvezza.

Chi favoleggia di una fratellanza universale senza Cristo, fa un discorso massonico, che non ha niente a che fare con la Benedizione di Abramo. Solo in Cristo si diventa figli di Dio e quindi fratelli. E per questo ci vuole la Chiesa cattolica e il Battesimo. Chi presume farne a meno, non edifica la civiltà ma la barbarie.

Beata è Maria SS. per aver partorito e allattato Gesù: privilegio che nessuno può toglierle, a cui però sono connessi i dolori della Madre del Redentore e di tutti i redenti. Beato è pure chiunque ascolta la parola di Dio e la mette in pratica: si fa simile a Maria, madre di Gesù e parteciperà pure lui al mistero della redenzione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Per una reazione spirituale italiana: la militanza letteraria di Domenico Giuliotti

Sab Ott 10 , 2020
Di Giuseppe Brienza