Quei dati sconvolgenti sul gioco d’azzardo e la complicità di uno Stato ambiguo

A cura di Angelica La Rosa

Tra il 2014 e il 2019, il fatturato del gioco d’azzardo in Italia è passato da 84,5 a 110,5 miliardi di euro. Una crescita del 30%, che ha visto complice uno Stato ambiguo: da un lato, acquirente di slot machine e promotore di nuovi casinò e, dall’altro, finanziatore di campagne per curare i giocatori patologici.

In “Perché il gioco d’azzardo rovina l’Italia”, un’inchiesta di forte denuncia curata da Daniela Capitanucci e Umberto Folena, si snocciolano dati sulle proporzioni gigantesche di un fenomeno di cui nessuno osa parlare: diventato il terzo comparto industriale italiano, l’azzardo abbassa di oltre 2 punti il nostro Pil.

E dietro i dati ci sono tante storie drammatiche – personali e familiari – che parlano di rovina, di criminalità, di vergogna, ma anche della progressiva quanto subdola instillazione della “cultura del gioco d’azzardo” in atto da decenni nel nostro Paese. Solo con un’ardua resistenza civica sarà possibile uscire da questa deriva deleteria, causa di un’enorme sofferenza sommersa e di un danno sociale per tutti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Quando gli stupratori rimangono impuniti per ragioni politiche e religiose

Dom Ott 11 , 2020
Post Views: 4 Di Lorenzo Capellini Mion