Ennesima falsa aggressione omofoba per racimolare qualche like in più

Di Simone Pillon

Ennesima falsa aggressione omofoba.

Il tizio qui sotto ammette candidamente di aver simulato un’aggressione a sfondo omofobo solo per racimolare qualche like in più.

Lui si vergogna.

Dovrebbe vergognarsi anche chi millanta pericoli inesistenti per poter approvare la legge Zan e indottrinare col Gender nelle scuole i nostri figli.

Sabato 17 ottobre alle 14 saremo in piazza del Popolo per fermare tutto questo.

Saremo a Roma per dire si alla libertà di pensiero e di parola.

Saremo a Roma per dire no all’utero in affitto e al gender nelle scuole, no all’indottrinamento sociale e no a ulteriori soldi buttati per la celebrazione dell’ideologia LGBT.

Il mondo pro family non ha gli immensi finanziamenti di cui gode la lobby gay. Le famiglie si pagheranno il viaggio e il soggiorno, come sempre del resto…

Ovviamente i giornalini e i giornaloni di regime non parlano di questa piazza, e al contrario diffondono ossessivamente fake news su presunte aggressioni in larga parte frutto di fantasia o esagerata strumentalizzazione.
Pazienza. Noi saremo comunque in piazza. Ci andrei anche fossi solo. E poi li aspettiamo al Senato, dove sarà battaglia vera.

 

* Senatore cattolico della Lega

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Politici e intellettuali: "il ddl Zan ha una serie di conseguenze perniciose"

Ven Ott 16 , 2020
Post Views: 8 Pubblichiamo l’appello contro il disegno di legge Zan, primo firmatario […]