François Fillon: “in Francia c’è un problema con la religione musulmana, non con le altre”


Di Lorenzo Capellini Mion

“Dobbiamo dire le cose come stanno e avere il coraggio di dire che c’è un problema con la religione musulmana, e non con le altre. Una parte significativa della comunità musulmana rifiuta di integrarsi, di accettare le regole della Repubblica e della convivenza. La situazione a scuola è solo la conseguenza di questa situazione generale. Il separatismo islamista inizia quando i musulmani vogliono vivere secondo i loro costumi, le loro leggi, la loro organizzazione, ai margini della Repubblica. Il totalitarismo islamico corrisponde a un progetto globale che consiste nell’imporre al mondo le regole, l’ideologia della religione musulmana. Il totalitarismo islamico dunque è una minaccia globale che deve essere combattuta senza ambiguità.”.

Così ha dichiarato François Fillon, cattolico, ex primo ministro di Francia dal 17 maggio 2007 al 16 maggio 2012 sotto la presidenza di Nicolas Sarkozy.

La Francia si pentirà di non aver eletto François Fillon ma c’è qualcosa di buono da riportare dal fronte occidentale.
Se non altro per prendere appunti.

***

Fillon ha corso nelle primarie presidenziali repubblicane del 2016. Si è piazzato al primo turno il 20 novembre, sconfiggendo Alain Juppé nello spareggio principale una settimana dopo. Dopo la sua vittoria alle primarie, i sondaggi d’opinione hanno mostrato Fillon come uno dei favoriti per le elezioni presidenziali del 2017 insieme a Marine Le Pen (FN) e Emmanuel Macron (EM).

Ma nel marzo 2017, François Fillon è diventato uno dei primi candidati del più importante partito politico francese a “essere formalmente incriminato in un’indagine per appropriazione indebita allargata” a causa delle accuse “di aver pagato alla moglie e ai figli centinaia di migliaia di euro da un libro paga pubblico “durante la corsa presidenziale, in un caso che è divenuto noto come “Penelopegate”. Tuttavia, ha deciso di non ritirarsi dalla corsa presidenziale e ha continuato a dichiarare la sua innocenza, negando di aver sottratto denaro.

Il 23 aprile 2017, è stato sconfitto al primo turno delle elezioni presidenziali, e successivamente ha riconosciuto di non avere la legittimità di guidare il partito alle elezioni legislative di giugno.

Tuttavia, ha mantenuto la sua candidatura e ha chiuso al terzo posto al primo turno, con il 20,01% dei voti. Successivamente si è ritirato dalla vita politica. Condannato in primo grado a una multa e a una pena detentiva, sospesa, poco tempo fa Fillon ha fatto appello contro questa condanna.

In molti hanno sospettato che le vicende giudiziarie che ha subito siano state orchestrate per boicottarne la corsa alle presidenziali.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments