Ricerca del potere, mormorazioni e litigi sono segni che si è perduto di vista Gesù


Di Padre Giuseppe Tagliareni

“Non fate nulla per rivalità o vanagloria, ma ciascuno di voi, con tutta umiltà, consideri gli altri superiori a se stesso” (Fil 2,3).

I litigi nelle comunità sono inevitabili e portano rottura dell’unità e perdita della carità.

Il rimedio è l’umiltà e lo sforzo continuo di avere “gli stessi sentimenti di Cristo Gesù” (v. 5).

Egli pur essendo Dio, si abbassò fino a noi e si svuotò della sua gloria; “umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce” (v. 8).

Solo dopo tanta umiliazione egli fu esaltato da Dio e ricevette la signoria su tutte le cose. Tutti siamo nulla; solo Dio ci dà di essere qualcosa, al servizio del suo Regno.

Chi pretende posti e onori, suscita inevitabilmente mormorazioni e litigi, come ben si vede in tutti gli ambiti della società.

Queste cose, non dovrebbero esistere dentro la Chiesa! Se avvengono, è segno che si è perduto di vista Gesù Cristo e si ritorna ad essere come quelli del mondo. Allora la comunità perde il suo mordente e dà cattivo esempio, che allontana la gente dalla Chiesa.

Dio prepara un grande banchetto, ma molti invitati declinano l’invito con mille scuse: hanno altre cose da fare, per loro più importanti. Così europei e americani, ebrei e cristiani.

Egli, offeso, dichiara: “nessuno di quelli che erano stati invitati gusterà la mia cena” e si rivolge ai pagani: africani, indiani, cinesi, gente che non sa nulla di Cristo. Questi entreranno al banchetto di Dio!

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments