L’ultima follia: in Oregon hanno depenalizzato le droghe pesanti


Di Angelica La Rosa

Negli Stati Uniti, oltre alla scelta tra Trump e Biden, in diversi stati si votava per una serie di referendum popolari su vari temi.

“A urne chiuse e di mattino prestissimo, quasi con il favore delle tenebre, l’Oregon è diventato il primo Stato a depenalizzare le droghe pesanti come l’eroina, la cocaina e la metanfetamina”, ha scritto Lorenzo Capellini Mion. “Aggiungetelo pure ai capitoli dell’agenda globalista tesa a disgregare le società, minare le famiglie e sottomettere con ancor più facilità intere generazioni”.

Il referendum, noto come “misura 110″, ha vinto con il 59% dei voti. Così dal prossimo febbraio 2021, chi sarà fermato in Oregon con piccole dosi delle droghe coperte dalla proposta (Eroina, Cocaina, Psilocibina che è una sostanza psichedelica contenuta in alcuni funghi allucinogeni) potrà evitare il processo e l’arresto pagando una multa di 100 dollari o seguendo un programma di recupero finanziato con la tassazione sulla vendita della cannabis (che in Oregon è legale).

Oltre all’Oregon, in diversi altri stati americani si sono tenuti referendum sulla legalizzazione della cannabis per uso ricreativo: in Arizona, Montana, New Jersey e Sud Dakota hanno vinto i sì. In totale ora negli Stati Uniti ci sono ben 15 stati che hanno legalizzato la cannabis, che a livello federale rimane però illegale.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments