Islam violento, Benoît de Blanpré: “La situazione in Francia sta peggiorando”


Di Angelica La Rosa

Benoît de Blanpré, direttore della Fondazione Pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) in Francia, ha condiviso le sue impressioni sugli ultimi attacchi jihadisti nel suo paese.

“La situazione in Francia sta peggiorando, e questo è dovuto alla radicalizzazione dell’Islam”, ha detto Blanpré.

I crescenti attacchi e le tensioni nella società francese sono spiegabili, secondo il direttore di ACS Francia, dalla nuova legge presentata da Emmanuel Macron, presidente della Repubblica francese, che cerca di impedire il fondamentalismo islamico e approfondisce la separazione della società francese dalla religione.

La libertà di espressione è anche un altro fattore che è stato difeso dal governo francese contro gli attacchi terroristici contro la rivista satirica Charlie Hebdo, che ha ripubblicato le vignette del profeta Maometto, generando proteste da parte dei musulmani di tutto il mondo.

Alla domanda se questi ultimi attacchi siano legati a Charlie Hebdo, Blanpré riconosce che “sì, questa è una questione di religione, e ora se ne discute in Francia. Naturalmente, ciò che si sta vivendo in Francia è anche una questione di libertà. Siamo un paese libero e ovviamente puoi dire e fare quello che vuoi, ma devi pensare a come viene detto, dove e perché viene detto. Dobbiamo lavorare su questa libertà di espressione in Francia. Le tensioni sono tensioni religiose, l’Islam radicale attacca i cristiani. È una questione di libertà. È la libertà di espressione che dobbiamo comprendere bene e utilizzare con saggezza.

Infine, il direttore di ACN Francia ha chiesto preghiere per la pace in Francia “perché le tensioni sono molto grandi e la violenza è molto presente. Dobbiamo anche dire cosa stia succedendo esattamente nel Paese, sulla radicalizzazione islamica e, soprattutto, usare le parole giuste su ciò che sta accadendo. Inoltre, tutte le religioni dovrebbero sedersi a parlare di libertà di espressione, per cercare di avere una comunicazione pacifica tra i diversi gruppi religiosi presenti in Francia”.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments