I Paesi che una volta erano cristiani hanno abolito queste 5 cose


Di Padre Giuseppe Tagliareni

Domenica di Cristo Re. Anno A.

Nella preghiera del “Padre nostro” Gesù ci fa dire: “Venga il tuo Regno!”.

Nei singoli, il Regno viene quando c’è la conversione a Dio. Nel mondo il Regno verrà quando Gesù apparirà sulle nubi del cielo come Giudice. Egli allora separerà le pecore dai capri e darà inizio a Cieli e Terra nuovi. Fino ad allora, il Regno di Dio subisce violenza.

Quelli che amano Dio, preparano il trionfo di Cristo, cercando d’introdurre nella società il regime cristiano.

La Sintesi cristiana è questa: 1) il Credo; 2) i Dieci Comandamenti; 3) Il “Padre nostro”; 4) la Domenica; 5) la carità fraterna.

Senza queste cinque cose, non c’è Cristianesimo.

Oggi i Paesi che una volta erano cristiani hanno abolito sempre più queste cinque cose e fatto leggi contrarie alla Legge di Dio e alla natura, introducendo usi e costumi anti-cristiani a cominciare dalla profanazione della Domenica, che è la cosa più visibile.

Le limitazioni del coronavirus fanno chiudere le chiese: il cristianesimo sta scomparendo. A chi giova tutto ciò?

Il test più sicuro e immediato di cristianesimo è la carità fraterna.

Gesù ci assicura: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.

Il test vale per tutti gli uomini: si salveranno tutti coloro che avranno saputo aiutare i deboli, i miseri, i poveri, gli affamati, i malati, i carcerati. Chi non avrà amato, non vedrà il Regno di Dio.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments