Verrà la grande tribolazione con segni grandi nel cielo e nel mare, angoscia di popoli in ansia


 

Di Padre Giuseppe Tagliareni

Arriverà l’ora della caduta di Babilonia, che simboleggia l’intera umanità ribelle a Dio.

“Tutte le nazioni hanno bevuto del vino della sua sfrenata prostituzione… i mercanti della terra si sono arricchiti del suo lusso sfrenato” (Ap 18,3).

I fedeli sono invitati a separarsi: “Uscite, popolo mio, da essa, per non associarvi ai suoi peccati e non ricevere parte dei suoi flagelli… In un solo giorno, verranno morte, lutto e fame… In essa fu trovato il sangue di profeti e di santi e di quanti furono uccisi sulla terra” (vv. 4.8.24).

Scatta l’ora d’introdurre il Regno e in Cielo cantano l’Alleluia! Sono giunte le nozze dell’Agnello; la sua sposa è pronta.

“Allora l’angelo mi disse: “Scrivi: Beati gli invitati al banchetto di nozze dell’Agnello!” (19,9). “Poi vidi il cielo aperto, ed ecco un cavallo bianco; colui che lo cavalcava si chiamava Fedele e Verace: egli giudica e combatte con giustizia” (19, 11).

La Bestia e il falso profeta furono catturati e gettati vivi nello stagno di fuoco. “Gli altri furono uccisi dalla spada che usciva dalla bocca del cavaliere (v. 21).

Come per Gerusalemme arrivarono “giorni di vendetta”, perché non seppe riconoscere il Messia mandato da Dio, così per l’intera umanità, che si ostina a rifiutare Cristo e darsi in braccio ai suoi nemici. Verrà la grande tribolazione con segni grandi nel cielo e nel mare, angoscia di popoli in ansia.

“Risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments