Prima della manifestazione gloriosa del Messia sarà la Vergine Maria a preparare i pochi fedeli rimasti


I DISEGNI DI DIO SI COMPIRANNO, PUR LASCIANDO AI MALVAGI LIBERTÀ DI AZIONE

***

Di Padre Giuseppe Tagliareni

Prima della manifestazione del Messia, Elia l’antico profeta, ritornerà: questa era la convinzione degli ebrei, suffragata dalle divine promesse.

Il grande profeta, vissuto nel secolo nono A. C., combatté contro l’idolatria e fece scendere il fuoco dal cielo. Visse anni in una grotta sul monte Carmelo, ma seppe affrontare i regnanti di allora e il popolo che zoppicava malamente nelle vie dell’idolatria. Fece uccidere i sacerdoti di Baal e fu braccato dalla regina Gezabele.

Per la sua parola, il cielo fu chiuso per tre anni e mezzo e non vi fu pioggia: simbolo degli altri tre anni e mezzo della sospensione del Sacrificio quotidiano, di cui parlano le Scritture. Egli ricevette nuove rivelazioni sull’Oreb e infine fu assunto su un carro di fuoco. Tornerà alla fine dei tempi, “per placare l’ira prima che divampi, per ricondurre il cuore del padre verso il figlio e ristabilire le tribù di Giacobbe” (Sir 48,10).

La gloriosa venuta del Messia sarà preceduta dal ministero di Elia (= “il mio Dio è Yahweh”), che debellerà l’idolatria e riordinerà i fedeli rimasti.

Gesù fa capire agli apostoli che il Battista è quell’Elia che doveva venire. I capi non lo riconobbero ed Erode lo fece decapitare.

Anche il Figlio dell’uomo “dovrà soffrire per opera loro”. Ma i disegni di Dio si compiranno, pur lasciando ai malvagi libertà di azione. Prima della manifestazione gloriosa del Messia, sarà la Vergine Maria a preparare i pochi fedeli rimasti.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments