Omosessualità, procuratore apre procedimento penale contro deputata che ha difeso l’insegnamento biblico


PÄIVI RÄSÄNEN, EX MINISTRO DEGLI INTERNI FINLANDESE, RISCHIA ANNI DI CARCERE PER AVER RIPETUTO LE PAROLE DI SAN PAOLO SULLA PRATICA DELL’OMOSESSUALITÀ

Di Angelica La Rosa

Il procuratore generale della Finlandia ha aperto un procedimento penale contro una deputata rea di aver difeso l’insegnamento biblico sull’omosessualità.

Raija Toiviainen, questo il nome del procuratore generale della Finlandia, ha aperto il quinto procedimento penale contro Päivi Räsänen, ex ministro degli Interni finlandese ed ex leader del Partito Democratico Cristiano finlandese, accusandola di incitamento all’odio per aver espresso ciò che la Bibbia dice sulla condizione peccaminosa delle relazioni omosessuali.

Päivi Räsänen, medico, moglie di un pastore luterano e madre di cinque figli, non ha mai nascosto le sue opinioni cristiane, né prima né dopo le modifiche al codice penale del 2011, che ha aggiunto nuovi articoli al capitolo “Crimini di guerra e crimini contro l’umanità”, in particolare l’illiceità della “pubblica espressione di opinione o altra comunicazione che minaccia, diffama o insulta per motivi di razza, colore, circostanze di nascita, origine nazionale o etnica, religione o fede, orientamento sessuale o disabilità”.

La prima accusa alla Räsänen era arrivata dopo un commento critico che aveva fatto sulla partecipazione ufficiale della Chiesa evangelica luterana di Finlandia al Gay Pride di Helsinki dell’estate 2019 .

Il 17 giugno di quell’anno la Räsänen aveva pubblicato una foto che illustrava la citazione dalla lettera di San Paolo ai Romani 1,24–27, che definisce “vergognose” le relazioni omosessuali e si era chiesta: “come può il fondamento dottrinale della chiesa, la Bibbia, essere compatibile con la lode della vergogna e del peccato, come motivo di orgoglio?”.

Da allora, Päivi Rässianen ha ricevuto accuse ogni volta che ha partecipato a dibattiti o rilasciato dichiarazioni sui social media a sostegno dell’insegnamento biblico contro le pratiche omosessuali.

La Rässianen ha dichiarato più volte di non avere paura di andare in prigione (rischia due anni di carcere per ciascuna delle cinque accuse contro di lei). “Più restiamo in silenzio su questioni complesse e controverse, più viene limitata la libertà di espressione e di coscienza. Se il tribunale mi riterrà colpevole, significherà l’inizio di una censura statale su larga scala”, ha commentato l’ex ministra.

Päivi Maria Räsänen, classe 1959, è una politica pro-vita, quindi contraria all’aborto, ed ha ricordato che in Finlandia la legge sulla protezione degli animali offre una protezione migliore agli animali rispetto ai feti umani. “È vietato causare dolore all’animale durante la macellazione, ma nessuno osa nemmeno discutere il dolore provocato dall’aborto. L’aborto è difeso sulla base del fatto che il feto non è considerato una persona umana. In realtà è un essere umano già dal momento del concepimento”.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments