Fuori di Gesù non c’è salvezza, neanche politica o economica o sanitaria


CHI CERCA UNA SALVEZZA SENZA GESÙ FA UN CASTELLO DI CARTONE CHE SARÀ DATO ALLE FIAMME

Di Padre Giuseppe Tagliareni

Il disegno di redenzione dell’umanità decaduta va avanti: passa nella discendenza di Abramo, nella tribù di Giuda, nella casa di Davide (intorno al 1000 a. C.).

Questi, domati i suoi nemici, voleva fare un tempio per l’arca del Signore, che fosse degna custodia di ciò che di più sacro aveva Israele.

Ma per mezzo del profeta Natan Dio espose un altro disegno: il figlio avrebbe eretto il tempio. A sua volta Iddio avrebbe reso stabile il regno di Davide in eterno: “Io susciterò un tuo discendente dopo di te, uscito dalle tue viscere, e renderò stabile il suo regno. Io sarò per lui padre ed egli sarà per me figlio” (2Sam 7,14).

Molti secoli dopo, l’angelo Gabriele dirà alla vergine Maria, annunziandole il figlio per opera dello Spirito Santo, “il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Gesù lo dichiarerà davanti a Pilato e per questo sarà crocifisso. Ma chi è dalla verità, ascolta la sua voce. La prima fu proprio Maria, che disse: “Eccomi”. E il disegno divino si compì.

Il mistero della salvezza in Cristo Gesù nascosto per secoli, annunziato dai Profeti e compiuto con la sua morte e risurrezione, ora è proclamato a tutti i popoli “perché giungano all’obbedienza della fede, a Dio” e si salvino.

Fuori di Gesù non c’è salvezza, neanche politica o economica o sanitaria.

Chi presume di farne una, fa un castello di cartone, che sarà dato alle fiamme.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments