La Spagna nel baratro: si avvia ad approvare l’eutanasia di stato


IN SPAGNA VIA LIBERA AL DDL SULL’EUTANASIA CHE PASSA ALL’ANALISI DEL SENATO. I VESCOVI E I FEDELI CATTOLICI SONO RIMASTI INASCOLTATI

Di Angelica La Rosa

La Camera dei deputati spagnola, in prima lettura, ha approvato il disegno di legge che introduce l’eutanasia per le persone che soffrono di patologie incurabili.

Sono stati 198 i voti favorevoli, mentre 138 i contrari e due gli astenuti.

La proposta normativa ora sarà al vaglio del Senato ma, a quanto pare, sarà approvata anche da questo ramo del parlamento iberico.

Così, la legge potrebbe entrare in vigore già nel 2021, rendendo la Spagna il sesto Paese al mondo (dopo Olanda, Belgio, Lussemburgo, Canada e Nuova Zelanda) e il quarto in Europa a legalizzare l’eutanasia.

E’ rimasta inascoltata la voce della Chiesa cattolica (“la vita è un dono, l’eutanasia è un fallimento”, avevano spiegato i vescovi iberici) che, in diverse occasioni, aveva ribadito l’importanza di tutelare la vita e la sua sacralità dal concepimento fino alla morte naturale.

“In modo sospettosamente accelerato, in tempo di pandemia e di emergenza, senza l’ascolto e il dialogo pubblico”, il governo di sinistra al potere in Spagna sta approvando una legge che, a detta dei vescovi, provocherà “una frattura morale, un ribaltamento nella finalità dello Stato: dalla difesa della vita alla responsabilità della morte inflitta ed anche della professione medica, chiamata, per quanto possibile, a curare o almeno ad alleviare e in ogni caso a consolare il malato, e mai a provocare la morte intenzionalmente”.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments