Giovanni, il precursore con lo spirito di Elia


IL GIORNO DEL SIGNORE È VICINO!

Di Padre Giuseppe Tagliareni

Il profeta Malachia vissuto nel V sec. A.C., lamenta le colpe dei sacerdoti e dei fedeli nel culto, i matrimoni misti e i divorzi.

Predice anche lui “il Giorno del Signore”, in cui Dio farà giustizia, preceduto da un messaggero con lo spirito di Elia, che favorirà la riconciliazione e preparerà un popolo ben disposto. È ciò che farà il Battista. Poi il Signore verrà con potenza.

“Chi sopporterà il giorno della sua venuta? Chi resisterà al suo apparire? Egli è come il fuoco del fonditore e come la lisciva dei lavandai. Siederà per fondere e purificare l’argento; purificherà i figli di Levi, li affinerà come oro e argento, perché possano offrire al Signore un’offerta secondo giustizia” (Mal 3,2-3).

Anche sugli altri farà il giudizio: “Sarò un testimone contro gli incantatori, contro gli adùlteri, contro gli spergiuri, contro chi froda il salario all’operaio, contro gli oppressori della vedova e dell’orfano e contro chi fa torto al forestiero… Voi allora di nuovo vedrete la differenza fra il giusto e il malvagio, fra chi serve Dio e chi non lo serve” (vv. 5.18).

Il Giorno del Signore è vicino!

 “Lo si chiamerà Giovanni (= Dio fa grazia)”, disse Elisabetta al momento della circoncisione del bambino; Zaccaria confermò scrivendo il nome. “All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio”: egli, incredulo, era stato muto nove mesi; ora deve ricredersi e manifestare le meraviglie di Dio.

Giovanni sarà il precursore con lo spirito di Elia.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments