Candidato presidente del Perù, contro il Nuovo Ordine Mondiale, dice: “la Messa è il centro della vita”


PRO-LIFE, PRO-FAMILY, CONFESSATO NEMICO DEL NUOVO ORDINE MONDIALE, MEMBRO DELL’OPUS DEI, RAFAEL LÓPEZ ALIAGA È CANDIDATO ALLA PRESIDENZA DEL PERÙ

Di Angelica La Rosa

Cattolico, frequentatore della Santa Messa quotidiana, membro aggiunto dell’Opus Dei, uomo d’affari di successo che segue i principi della dottrina sociale della Chiesa, Rafael López Aliaga è l’unico tra tutti i candidati al governo della nazione peruviana che è radicalmente pro-vita, pro-famiglia e contrario a tutti i presupposti del Nuovo Ordine Mondiale.

In quasi tutte le elezioni presidenziali dei paesi ispanico-americani, gli elettori hanno al massimo la possibilità di votare per un candidato considerato un male minore. Stavolta, stando ai suoi propositi, espressi in un’intervista ad Infocatolica Perù, c’è da ben sperare.

“Sono cattolico, membro aggiunto dell’Opus Dei, considero la Santa Messa il centro della mia vita. Sono un uomo d’affari, proprietario di Grupo Acres, ho quasi 50 aziende di successo”, ha spiegato Rafael López Aliaga.

“Ma tutto questo è un miracolo per pura grazia di Dio, perché non sono nato in una culla d’oro, ma in campagna, tra le canne da zucchero a Pomalca Lambayeque. Mio padre era direttore di una fabbrica di zucchero, sono nato e vissuto lì per 19 anni. Ho iniziato a lavorare all’età di 14 anni. Ho raccolto le mie mance e ho comprato una macchina che macina lo zucchero. Ho azionato io stesso quella macchina, ho confezionato lo zucchero raffinato e l’ho venduto alle pasticcerie. Poi ho avviato un’altra attività parallela che ho imparato da autodidatta, la programmazione per computer. Sono entrato all’Università Nazionale Pedro Ruiz Gallo per studiare ingegneria civile. Erano anni in cui le università nazionali erano afflitte dall’ideologia comunista. La mia formazione iniziale fu piuttosto idealistica da Descartes in poi, idealismi di Kant, Hegel, Engels, Marx, quelli furono i miei inizi. Ero un dirigente universitario molto giovane. Non ero comunista ma ho avuto tante ribellioni, tante domande esistenziali a cui non era stata data risposta e che sono aumentate con la formazione idealistica all’università. Fino a quel momento non aveva ricevuto una formazione tomista reale. In breve tempo ho dovuto interrompere i miei studi all’Università Nazionale perché l’ambiente terroristico era troppo. Mio padre era finanziariamente messo male in quegli anni. Tutti i miei risparmi li ho usati per andare a Piura. Mi sono iscritta all’Università di Piura, dove ho conosciuto un prete che ha dato risposte a tutte le mie domande. Gli ho chiesto di essere il mio consigliere spirituale ed è da lì che ho cambiato radicalmente la mia vita. Sono andato a Piura a vedere “La Scienza di Dio” ma ho incontrato Dio e il padrone di tutto, scienza compresa. All’università di Chiclayo mi avevano insegnato da Descartes in avanti, a Piura mi hanno insegnato “da Descartes all’indietro” per così dire. Sono entrato nell’Opus Dei, cosa che prima per me sarebbe stato impensabile. Ho pure lasciato una ragazza spiegandole che avevo deciso di dare la mia vita a Dio. Vivo nel celibato. L’Eucaristia quotidiana per me è vitale. Una sola Messa vale più di tutta la mia vita. A 19 anni, dopo aver passato quasi 6 anni con l’anima secca, non irrigata, senza Dio…. l’Eucaristia quotidiana ha cominciato ad essere ed è per me la cosa più preziosa. E ovviamente anche la preghiera del Santo Rosario. La forza della preghiera e dell’Eucaristia quotidiana mi hanno aiutato a concentrarmi in modo tale da finote in 4 anni la laurea in Ingegneria Industriale che normalmente dura 6 anni. Successivamente ho lavorato in banca. Poi un’importante azienda di Head Hunter mi ha scelto come Manager ed ho viaggiato quasi in tutto il mondo. Conoscendo realtà diversei. Diventato un uomo d’affari indipendente. Ho acquisito Perú Val, una società di valori mobiliari e sono diventato professore di finanza aziendale presso la prestigiosa Università Nazionale di Ingegneria del Perù. Dopo alcuni anni ho formato il Gruppo Acres, Hotel, Treni, Idroelettrico, Centri commerciali, ecc.”.

Rafael López Aliaga ha spiegato così il motivo della sua discesa in campo nella politica: “Presiedevo le mie società e non ho mai pensato di entrare in politica o altro. Ma ho sempre tenuto a mente quello che mi diceva mio padre quando ero molto giovane: ‘Rafael, se mai vai in politica, fallo quando non hai più bisogno di soldi e la tua vita è risolta’. E sono arrivato alla politica su richiesta di mio padre. Mi ha chiesto di aiutare Luis Castañeda (ex sindaco di Lima) con questioni sociali e penso di aver fatto un buon lavoro. Gli Ospedali di La Solidaridad (che forniscono un servizio sanitario privato a bassissimo costo) e le scale Solidarias (che consentono alle persone che vivono sulle colline di Lima di accedere alle proprie case e trasferirsi dignitosamente al lavoro), sono la prova dell’ottima gestione che grazie a Dio siamo riusciti a fare a favore dei più bisognosi. Senza quelle migliaia di scale di solidarietà che abbiamo realizzato, centinaia di migliaia di case non avrebbero un riferimento al loro indirizzo, per esempio. Oggi le scale sono numerate, il che facilita l’arrivo dei corrieri alle case. Successivamente sono emersi problemi di corruzione da parte dei membri del partito. Per principio mi sono allontanato. Subito dopo le basi del partito mi hanno chiesto di tornare. Ho accettato e ho dovuto subentrare poco più di un anno fa. Ho ripulito da tutti i corrotti il partito che ora si chiama Ristrutturazione Popolare, ho cambiato i colori (ora è azzurro, perché siamo La Ola Celeste ProVidaFamilia) e oggi è un partito con soli nuovi iscritti che non hanno una sola macchia sulla loro fedina penale. Sono persone di cui il mio gruppo di ricerca ha esaminato le qualifiche accademiche e morali, oltre che le loro esperienze. Sono grato di essere circondato da persone di prim’ordine, di continuare a servire Dio e il prossimo nel migliore dei modi, ora attraverso la Presidenza e il Congresso”.

Rafael López Aliaga ha spiegato che la candidatura alle presidenziali è stata un processo. “Inizialmente ho preparato il partito per essere un’opzione veramente pro-vita e pro-famiglia, ma non necessariamente per essere io il presidente. All’inizio abbiamo cercato diverse opzioni, ma non volevano accettare l’offerta del partito, oppure volevano che includessimo persone apertamente nemiche del Cristianesimo, della vita e della famiglia nell’elenco dei candidati al Congresso. Quindi mi sono assunto questa responsabilità che mi porta fuori dalla mia comfort zone, per amore del prossimo e soprattutto perché Dio l’ha segnato così e lo vuole così. Ed eccomi qui, Signore, per fare la tua volontà”.

Per il candidato cattolico la Dottrina Sociale della Chiesa, la solidarietà, la sussidiarietà, il bene comune a beneficio della persona umana, sono ciò di cui ha bisogno il Perù.

“Nelle politiche pubbliche dei precedenti governi, tutti corrotti, questi principi non sono stati messi in pratica ma sono rimasti solo teoria”, ha spiegato López Aliaga. “Tutti gli ex presidenti degli anni ’80 sono in prigione o in procinto di arrivarci. E negli ultimi 10 anni si sono dedicati a distruggere le fondamenta della società: la vita e la famiglia. Il mio piano di governo ha 4 assi, che sono proprio l’applicazione di questi suddetti 4 assi della Dottrina Sociale della Chiesa. Se si rinuncia a Dio e si consegna la nazione a un antiteismo = anti-cristianesimo, pro-aborto e pro ideologia pro-gender, la persona umana viene distrutta e non è in grado di cercare la sussidiarietà, la solidarietà e il bene comune a favore degli altri. E dell’opzione preferenziale per i poveri, non ne parliamo nemmeno. Li prendono in considerazione solo per ingannarli per il voto e poi dimenticarli. La corruzione viola terribilmente i principi della Dottrina Sociale della Chiesa perché strumentalizza la persona umana, usandola con disprezzo per realizzare interessi egoistici. Ecco perché tutte quelle lobby “ProAbortionGaymonio” sono corrotte. Impediscono il raggiungimento del bene comune perché vi oppongono con criteri individualistici, cinismo egoistico e interessi illeciti di parte. Ecco perché anche la mia proposta di porre fine agli interessi abusivi delle banche che sono una ‘corruzione legalizzata’. Inoltre, contraddice la solidarietà, perché produce ingiustizia e povertà. È crudele aver lasciato milioni di persone senza accesso all’acqua e al drenaggio per così tanto tempo. Si contraddice la sussidiarietà anche quando non si rispettano i vari ruoli sociali e istituzionali, ma piuttosto li corrompe. Si impedisce alle risorse destinate ai poveri di raggiungerli. Insomma la corruzione è contraria al destino universale dei beni. Partendo dal dare centralità a Cristo nella vita della nazione possiamo lottare contro questa piaga della corruzione che ha le sue radici nel non pensare ad una vita eterna e nel non avere la verità di Cristo, o nell’averla deformata. Applicare veramente la Dottrina Sociale della Chiesa, combattere efficacemente la corruzione”.

Il candidato cattolico ha voluto anche ricordare che ha “finanziato la Marcia per la Vita che ha raggiunto più di un milione di persone. Inoltre, ho finanziato molteplici organizzazioni pro-vita e pro-famiglia e seminari di bioetica. Essere un vero pro-vita non si limita all’essere pro-natalità ma per la difesa della vita e della dignità che vanno dal concepimento alla morte naturale attraverso tutte le sue fasi. Ho costruito centinaia di scuole di primo livello, ho svolto molte opere sociali in varie città di La Sierra. E dei diecimila dipendenti che ho tra tutte le mie aziende, non solo pago loro uno stipendio dignitoso, ma, nell’ultimo anno, non ne ho licenziato nemmeno uno. Nessuno di loro è rimasto senza lavoro. Dei diecimila, nessuno è morto di Covid. Mi sono preso cura del mio popolo grazie a Dio. Ho organizzato tutto in modo che nessuno rimanesse senza ossigeno, nessuno dei miei dipendenti è stato lasciato a se stesso. Mi sono impegnato con Dio a condividere sempre una parte dei miei guadagni, e sono già quasi 200 milioni di dollari condivisi, grazie a Dio e a Maria Santissima. Molti amici pensano che io sia pazzo. Dicono che potrei essere in una villa sulla spiaggia a riposare: ma sarei inattivo. Mi dicono che nessuno presiede le mie aziende come me, che dovrei continuare a fare più soldi: ma sarebbe avidità. Mi dicono perché mi complico la vita, che potrei essere sereno: ma sarebbe egoismo. Sarei a corto di amore per Dio sopra ogni cosa e per il mio prossimo. Per la difesa della fede, della vita e della famiglia, e perché come uomo d’affari di successo, sono in grado di guidare il mio paese (che conosco completamente) per porre fine alla fame, alla malnutrizione, alla mancanza di accesso all’acqua e alle fognature, all’analfabetismo e allo sviluppo economicamente e socialmente. La qualità prima e di pari passo con la quantità, perché altrimenti non c’è niente”.

Concludendo la sua intervista Rafael López Aliaga ha voluto fare sapere che combatte “da molto tempo contro le ONG finanziate da George Soros, poiché queste sono le principali fonti di cattive informazioni e di cattiva formazione nell’educazione sessuale. Come presidente, Dio permettendo, li sradicherò dal Perù. Inoltre, creeremo un piano nazionale per la corretta formazione degli adolescenti in questo campo, eliminando tutti i tipi di focus di genere e altre ideologie. D’altra parte, segnaleremo l’effetto abortivo di più contraccettivi e i danni e le conseguenze dell’uso di queste pillole e di altre, poiché lasciano danni irreversibili. La domanda e il consumo di pornografia ha raggiunto livelli enormi, grazie alla portata quasi assoluta che ha attraverso Internet. Oggi, molti tredicenni hanno visto più materiale pornografico di quanto la maggior parte degli uomini medi alla ricerca di pornografia negli anni ’70 avrebbe mai potuto vedere. Ciò che è stato dimostrato in queste settimane e mesi dai ‘maestri’ di Internet è un peccato. Combatterò anche la censura di tutte le informazioni sui trattamenti alternativi per combattere il Covid. Sono stato curato con l’Ivermectina. Con la censura delle ultime settimane dello stesso ex presidente Trump i giganti del web hanno fatto vedere che hanno preso ‘il sopravvento’. Ciò significa che se c’è così tanto materiale pornografico sul web, è perché lo vogliono, poiché avrebbero tutto il potere di censurarlo e sradicarlo, ma non vogliono farlo. Se il Signore mi permette di essere presidente, attraverso le leggi, bloccheremo l’ingresso in Perù di siti web che offrono pornografia e creeremo una legge molto dura, con pene detentive di molti anni per coloro che consentono ai minori l’accesso al materiale pornografico. È possibile combatterlo efficacemente, se c’è la volontà di farlo”.


Subscribe
Notificami
1 Commento
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments

Incredible!!!
Voglio pregare per questo uomo perché riesca nel suo intento e perché suppongo che non avra’ vita facile, purtroppo.