“Per Twitter i Conservatori, e Trump in particolare, violano gli standard della Comunità. Ma non chi sfrutta i bimbi!”


“OGNI VOLTA CHE VUOLE VIETARE I CONSERVATORI, INCLUSO L’EX PRESIDENTE TRUMP, TWITTER AFFERMA CHE I SUOI SACRI STANDARD DELLA COMUNITÀ SONO STATI VIOLATI, DI SOLITO SULLA BASE DI UNA VAGA ACCUSA DI PROMOZIONE DELLA VIOLENZA”, HA DICHIARATO LA DOTTORESSA MORSE (RUTH INSTITUTE). “MA A QUANTO PARE QUESTI STANDARD NON INCLUDONO LO SFRUTTAMENTO SESSUALE DEI BAMBINI”.

Di Angelica La Rosa

Il gigante della tecnologia Twitter ha “consapevolmente consentito la distribuzione di immagini dello sfruttamento sessuale di un minore”.

“Dove erano i tanto decantati standard della comunità di Twitter, in questo caso?”, ha chiesto la dottoressa Jennifer Roback Morse, Ph.D., fondatrice e presidente del Ruth Institute, commentando la causa intentata la scorsa settimana presso un tribunale distrettuale federale statunitense.

Il National Center on Sexual Exploitation Law Center è uno dei gruppi legali che rappresentano la vittima e sua madre. Il deposito del tribunale afferma che l’attore, che ora ha 17 anni, è stato costretto a fornire video di se stesso e di un altro minore impegnato in atti sessuali quando aveva 13 anni, sotto costrizione da trafficanti di sesso.

La dottoressa Morse ha spiegato che “la vittima è rimasta sconvolta quando ha scoperto che questi video erano stati pubblicati su Twitter. Sua madre ha contattato l’azienda e ha chiesto che fossero rimossi. Twitter non ha fatto nulla fino a quando il video non ha avuto più di 167mila visualizzazioni. Solo il coinvolgimento diretto delle forze dell’ordine ha spinto Twitter ad agire”.

“Ogni volta che vuole vietare i conservatori, incluso l’ex presidente Trump, Twitter afferma che i suoi sacri standard della comunità sono stati violati, di solito sulla base di una vaga accusa di promozione della violenza”, ha rilanciato la Morse. “Ma a quanto pare questi standard non includono lo sfruttamento sessuale dei bambini”.

La dottoressa Morse ha osservato che nel 2019, Twitter ha cambiato i suoi termini di servizio “per consentire ai pedofili di discutere apertamente dei loro impulsi, a condizione che ‘non promuovano o glorificano in alcun modo lo sfruttamento dei minori’. Twitter ha persino una designazione per questi individui: MAP (persone attratte da minori). “Suona davvero accogliente”, ha osservato sarcastica la Morse.

L’anno scorso, il senatore Repubblicano Josh Hawley, e tre dei suoi colleghi, hanno presentato il Survivors of Human Trafficking Fight Back Act. Questa legge permette una causa privata di azione legale che consentirebbe alle vittime di citare in giudizio siti Web che pubblicano consapevolmente video che raffigurano atti sessuali forzati, compresi quelli eseguiti sotto costrizione.

Forse non a caso, il senatore Hawley è stato uno dei critici più taglienti dei social media. Il senatore è stato anche oggetto di un tentativo di “inserimento nella lista nera” da parte di oltre 250 testate editoriali.

“Il dolore dello sfruttamento sessuale non va mai via”, ha rilevato la Morse. “In questo caso, si presume che Twitter abbia aggiunto a quel dolore almeno 167.000 volte, probabilmente di più, dal momento che nulla scompare da Internet”.

Un sondaggio del 2019 della Internet Watch Foundation ha rilevato che Twitter ospitava quasi la metà di tutto il materiale pedopornografico trovato nel Regno Unito. “Attendiamo con impazienza l’esito di questo caso”, ha concluso la Morse. “Nel frattempo, la prossima volta che Twitter cita i suoi ‘standard della comunità’ come scusa per bandire un conservatore, ricorderemo quanto siano ipocriti questi ‘standard'”.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments