Cristiani sfidano legislatori: “continueremo a pregare per il ritorno all’eterosessualità degli omosessuali”


IMPOSIZIONE DELL’IDEOLOGIA GENDER IN AUSTRALIA

Di Angelica La Rosa


I cristiani australiani affermano che sfideranno il divieto di preghiera per superare le attrazioni sessuali indesiderate.

Il disegno di legge minaccia ai genitori fino a 10 anni di carcere se non affermano la confusione sessuale dei loro figli e proibisce lo svolgimento di una pratica religiosa se include la preghiera per chiedere il ritorno all’eterosessualità degli omosessuali.

I leader cristiani sono pronti a resistere al controverso progetto di legge sulle pratiche di proibizione del cambiamento dell’orientamento sessuale (ma solo dall’omosessualità all’eterosessualità!) avanzata nello stato di Victoria.

La Presbyterian Church of Australia è stata la prima ad alzare la voce in seguito all’approvazione del disegno di legge da parte della Upper House of Victoria, con il suo moderatore Rev. Dr. Peter Barnes che esorta i suoi ministri a rimanere fedeli alle Scritture in tutte le questioni di moralità sessuale, compresa l’omosessualità e il transgender.

“Il progetto di legge sul divieto di cambiamento è ora passato attraverso entrambe le camere del Parlamento vittoriano. Vieta qualsiasi tentativo di modificare o sopprimere o indurre chiunque a modificare o sopprimere il proprio orientamento sessuale o identità di genere. La preghiera o la consulenza intese a cambiare una persona sono proibite, anche su richiesta di quella persona. In breve, ciò significa che la preferenza sessuale è protetta dalla legge, proprio come la preferenza di genere di chiunque. Il sesso omosessuale non può essere chiamato “peccato” e un uomo di oggi può affermare di essere una donna domani”, ha detto Barnes.

Nella sua rubrica fissa per Spectator Australia, il ministro presbiteriano Mark Powell ha rilanciato la dichiarazione del suo superiore.

“La legge del Victoria rende illegale per un genitore pregare per il proprio figlio, anche se glielo avesse chiesto. In quanto tale, il dottor Barnes crede che sia giusto che i cristiani sfidino l’autorità dominante dicendo: “Quando il re Dario superò l’autorità data da Dio, Daniele fece come aveva fatto in precedenza” (Dan. 6,10).

Powell ha anche avvertito i suoi lettori che c’è una spinta per l’approvazione di una legislazione simile nel suo stato d’origine, il New South Wales.

Il curatore del popolare blog, CultureWatch Bill Muehlenberg ha invitato i cristiani a difendere Cristo “indipendentemente dalle conseguenze disastrose. Sarà questo finalmente il campanello d’allarme di cui tutti abbiamo bisogno? Il tempo per giocare è finito. Dobbiamo essere consapevoli di ciò che sta realmente accadendo. O giuriamo di difendere Cristo … o rinunciamo completamente alla nostra fede e ammettiamo che è stata solo una farsa. Dobbiamo scegliere adesso”, ha scritto Muehlenberg.

Prima dell’approvazione del disegno di legge, l’arcivescovo cattolico di Melbourne Peter Comensoli ha esortato il premier vittoriano Daniel Andrews, un cattolico battezzato, a fermare il disegno di legge in una dichiarazione congiunta con i leader religiosi locali: “Lo stato non ha alcun interesse per come prego, chi prego e per cosa prego”.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments