Oggi mancano le voci profetiche: la gente è adagiata nei più grandi peccati


GESÙ PROFETIZZÒ CHE SAREBBERO VENUTI I GIORNI IN CUI EGLI, LO SPOSO DELLA CHIESA, SAREBBE STATO TOLTO ALLA SUA SPOSA. ALLORA I SUOI AVREBBERO DIGIUNATO. QUESTI TEMPI SONO ARRIVATI…

Di Padre Giuseppe Tagliareni

“Grida a squarciagola, non avere riguardo; alza la voce come il corno, dichiara al mio popolo i suoi delitti, alla casa di Giacobbe i suoi peccati” (Is 58,1), dice il Signore al suo profeta.

Oggi purtroppo, mancano le voci profetiche: la gente è adagiata nei più grandi peccati (adulterio, divorzio, aborto, violenze, usura, disonestà nei commerci e nella moda, scandali, etc.) e ci dorme sopra.

In Quaresima i cristiani dovrebbero scuotersi, convertirsi veramente a Dio e iniziare la via della penitenza, per dare riparazione dei peccati commessi.

Il digiuno che Dio gradisce è: “sciogliere le catene inique, togliere i legami del giogo, rimandare liberi gli oppressi, dividere il pane con l’affamato, introdurre in casa i miseri, senza tetto, vestire uno che vedi nudo, senza trascurare i tuoi parenti” (vv. 6-7).

Chi si converte a Dio, comincia pure ad avere occhio per il suo prossimo. “Allora invocherai e il Signore ti risponderà, implorerai aiuto ed egli dirà: “Eccomi!”» (v. 9). Chi ama coi fatti Dio e il prossimo, ha adempiuto ogni giustizia. Solo di questo c’è bisogno.

Gesù profetizzò che sarebbero venuti i giorni in cui Egli, lo Sposo della Chiesa, sarebbe stato tolto alla sua Sposa. Allora i suoi avrebbero digiunato.

Questi tempi sono arrivati: Gesù Sacramentato viene occultato, la Messa non è più accessibile, la chiesa si svuota, il digiuno è cominciato e con esso anche il pianto. Ma ai più, non gliene importa nulla. Dov’è la fede?

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments