Le guarigioni miracolose ottenute da San Giuseppe in tempi di peste


DALL’8 DICEMBRE 2020 ALL’8 DICEMBRE 2021 SI CELEBRA, COME VOLUTO DA PAPA FRANCESCO, UN ANNO PARTICOLARE DEDICATO A SAN GIUSEPPE, IN OCCASIONE DEL 150° ANNIVERSARIO DALLA SUA PROCLAMAZIONE A PATRONO DELLA CHIESA CATTOLICA.

PER MEDITARE OGNI GIORNO DI MARZO SUL PADRE PUTATIVO DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO INFORMAZIONE CATTOLICA VI OFFRE UNA RIFLESSIONE QUOTIDIANA.

Di don Giuseppe Tomaselli*

 

Diciassettesimo giorno

Pater noster – San Giuseppe, prega per noi!

La Sacra Famiglia

La convivenza dell’uomo con la donna, quando è santificata dal vincolo matrimoniale religioso, attira le benedizioni di Dio. La famiglia che i genitori formano, diviene un santuario e difatti si chiama «santuario domestico ».
Iddio ha creato la famiglia; Gesù, facendosi uomo, l’ha santificata, sia assistendo alle nozze di Cana, ove operò il primo miracolo, e sia ripristinandone il vincolo indissolubile, col dire: L’uomo non separi quello che Dio ha congiunto (S. Matteo XIX – 6). Più che tutto, Gesù ha santificato la famiglia vivendo circa trent’anni nella casa di Nazareth. Gesù, Maria e Giuseppe formano la Sacra Famiglia.

Leone XIII, devotissimo. di San Giuseppe, volendo dare ai genitori un modello da imitare, istituì la festa della Sacra Famiglia, che ricorre la domenica dopo il Santo Natale; inoltre prescrisse che ogni famiglia cristiana facesse la consacrazione a Maria ed a Giuseppe. Nella Sacra Famiglia rifulgono tutte le virtù ed ogni persona vi trova il suo modello. I padri possono rispecchiarsi nella condotta di San Giuseppe; le madri trovano il loro esempio illustrissimo nella Madonna; i figli hanno il modello divino in Gesù.

Consideriamo la Sacra Famiglia! San Giuseppe, da capo costituito da Dio, impartisce i suoi ordini, in forma umile e dolce, alla sua Santissima Sposa, la quale ubbidisce con sommissione. Con la sua autorità paterna comanda benevolmente a Gesù, il quale gli sta soggetto in tutto. Quale esempio! Il Creatore sta soggetto a due sue creature! Nell’ordine c’è l’armonia e la pace. La Famiglia di Nazareth era sempre nella massima pace, perché ognuno teneva il suo posto e tutto si faceva sotto lo sguardo di Dio. Perché in tante famiglie manca la pace? Vi manca l’umile sudditanza: la sposa non ubbidisce allo sposo ed i figli non ubbidiscono ai genitori.

La Sacra Famiglia era illuminata dalla luce di Dio, perché vi regnava il vero amore, la più perfetta purezza e la piena uniformità alla volontà divina. Lavoro, preghiera e distacco dalle ricchezze, anzi amore alla povertà; ecco le caratteristiche della Sacra Famiglia! Per avere presenti gl’insegnamenti della Casa di Nazareth, sarebbe bene tenere sulla parete della camera il quadro della Sacra Famiglia. In molte abitazioni è esposta tale immagine; ma che questa non serva di semplice ornamento della casa, bensì di richiamo a vivere cristianamente. Nella festa della Sacra Famiglia si consiglia di adornare il quadro esposto e di recitare la preghiera di consacrazione.

Esempio

Al principio del secolo XVII infierì la peste in certe regioni della Francia. Nella città di Avignone le vittime erano moltissime, tutti i giorni. Il Clero e la Magistratura davanti a tanto flagello pensarono di rivolgersi a San Giuseppe, promettendo con voto di solennizzarne ogni anno la festa. Da quel giorno non ci fu in Avignone alcuna vittima.

La peste però non cessò, ma cambiò residenza. Cominciarono infatti le vittime nella città di Lione; qui i morti si moltiplicavano. I Lionesi vollero seguire l’esempio degli Avignonesi e si posero sotto la protezione di San Giuseppe. Cessò la peste anche a Lione.

Il Padre Barri, vissuto in quel tempo, scrisse un libro per narrare le guarigioni miracolose ottenute da San Giuseppe in quel periodo di peste. Fra l’altro disse: Molti portavano al dito un anello benedetto, sul quale era inciso il nome «San Giuseppe»; Dio per premiare la loro fiducia in questo amabile nome, non permise che alcuno di costoro fosse colpito dalla peste.

Fioretto – Dare buon esempio nel parlare e nell’agire, in casa e fuori di casa.

Giaculatoria – San Giuseppe, conserva la pace nella nostra famiglia!

 

Il testo che vi abbiamo proposto è stato tratto da libro Don Giuseppe Tomaselli, San Giuseppe – Mese in suo onore (1962), di proprietà dell’Istituto Teologico “San Tommaso“, Via del Pozzo, 43 – 98121 Messina, al quale il libro può essere chiesto, oppure scrivendo alla mail: dongiuseppetomaselli@gmail.com.

 

* Don Giuseppe Tomaselli, nato a Biancavilla (Catania) il 26 gennaio del 1902 e morto a Messina nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1989, entrò nel 1916 nella Congregazione Salesiana, venne ordinato sacerdote nel 1926 e, lungo il suo ministero, durato quasi 63 anni, fu parroco, insegnante, cappellano presso comunità religiose, esorcista, taumaturgo ed apostolo della buona stampa cattolica. Proprio in quest’ultima veste diffuse ben 10 milioni di copie dei suoi 120 libri, testi che ancora sono molto richiesti e letti.

 

 

 

 


Subscribe
Notificami
1 Commento
Oldest
Newest
Inline Feedbacks
View all comments

Buonasera, io sono una piccola ostia di padre Tomaselli, e ho quasi tutti i libretti di padre Tomaselli