Shemà. Commento al Vangelo del 29 marzo della teologa Giuliva Di Berardino


Shemà (in ebraico “Ascolta”), un commento al Vangelo del Giorno di Giuliva Di Berardino.

Anche a noi, uomini e donne del terzo millennio, Nostro Signore Gesù Cristo dice: “Shemà”. Ascoltiamolo!

***

IL COMMENTO TESTUALE

IL VANGELO DEL GIORNO: Gv 12, 1-11

lunedì 29 marzo 2021

Oggi il Vangelo, tratto dal Vangelo secondo Giovanni, ci presenta gli avvenimenti che hanno immediatamente preceduto la Pasqua del Signore. È indicato infatti un tempo preciso:  sei giorni prima della Pasqua, e un luogo preciso: Betania dove si trovava Làzzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. Già l’inizio di questo racconto mostra un morto risorto, che accoglie nella sua casa Gesù. La circostanza del racconto che l’evangelista descrive è  quella di un banchetto offerto da Lazzaro a Gesù come ringraziamento per averlo risuscitato dalla morte. È ciò che farebbe ciascuno di noi, come segno di ringraziamento. Subito però compare Maria che prende una cospicua quantità di profumo di vero nardo, e il testo specifica che si tratta di un unguento prezioso, e quindi costoso, e cosparge i piedi di Gesù, asciuga i piedi con i suoi capelli e tutta la casa profuma. Un gesto che nei commentari ha riscontrato tante interpretazioni, ma è evidente che si tratta di più di un semplice gesto di gratitudine, perché già il banchetto lo è. Il gesto di Maria è un atto di adorazione è una proclamazione della regalità di Gesù e dell’unzione profumata con la quale Dio unge il Messia. Il profumo poi che questo atto di unzione emana, è anch’esso simbolo del frutto di quell’adorazione che, come vediamo, segue sempre ogni atto di amore verso Gesù, perché ogni atto di amore nei riguardi del corpo di Gesù è atto di amore per l’umanità intera che Gesù salva, attraverso il dono del suo corpo che di lì a poco sarà offerto sulla croce. Ecco perché Gesù, di fronte alle interpretazioni utilitaristiche e materialistiche di Giuda, afferma: «Lasciala fare, perché ella lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me». L’atto di adorazione e di unzione che Maria ha compiuto è un’anticipazione del gesto eucaristico per eccellenza. Il Vangelo di Giovanni infatti è l’unico Vangelo a non trasmettere il racconto dell’ultima cena raccontando che Gesù ha compiuto l’azione rituale dello spezzare il pane, ma questo racconto è sostituito da quello della lavanda dei piedi, che celebreremo ritualmente il giovedì santo. Ciò che accadde allora sei giorni prima della Pasqua annuncia in modo profetico il senso stesso della Pasqua del Signore e ci offre l’atteggiamento giusto per iniziare la settimana santa, quello di chi adora Gesù come Signore e Messia perché sa che solo Lui è il Signore della vita. Buona giornata!  

Gv 12, 1-11


Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània,. E qui fecero per lui una cena: Marta serviva e Làzzaro era uno dei commensali. Maria allora prese trecento grammi di profumo di puro nardo, assai prezioso, ne cosparse i piedi di Gesù, poi li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì dell’aroma di quel profumo. Allora Giuda Iscariòta, uno dei suoi discepoli, che stava per tradirlo, disse: «Perché non si è venduto questo profumo per trecento denari e non si sono dati ai poveri?». Disse questo non perché gli importasse dei poveri, ma perché era un ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. Gesù allora disse: «Lasciala fare, perché ella lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me». Intanto una grande folla di Giudei venne a sapere che egli si trovava là e accorse, non solo per Gesù, ma anche per vedere Làzzaro che egli aveva risuscitato dai morti. I capi dei sacerdoti allora decisero di uccidere anche Làzzaro, perché molti Giudei se ne andavano a causa di lui e credevano in Gesù.

 

IL COMMENTO IN VIDEOhttps://www.youtube.com/channel/UCE_5qoPuQY7HPFA-gS9ad1g/videos


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments