Ordo Iuris annuncia cause legali per le bugie della comunità LGBT


L’ISTITUTO GIURIDICO INAUGURA IL PROGRAMMA PER PROTEGGERE IL BUON NOME DELLA POLONIA…

Di Angelica La Rosa

In risposta alle ripetute accuse contro la Polonia mosse da attivisti politici LGBT che accusano la Polonia di violare gli obblighi internazionali, l’Istituto giuridico Ordo Iuris ha preparato un rapporto sulla situazione sociale e giuridica delle persone con inclinazioni omosessuali o identità di genere per mostrare la situazione reale di queste persone e smascherare le false informazioni da parte di gruppi e lobbies che si sono autoproclamati come loro rappresentanti.

Nell’ambito della lotta contro la disinformazione, gli avvocati annunciano cause legali contro persone che violano l’immagine della Repubblica di Polonia con le loro dichiarazioni, tra cui Sylwia Spurek, MEP, Małgorzata Prokop-Paczkowska, o la rivista inglese Daily Mail.

Come hanno sottolineato dall’Istituto Ordo Iuris, Sylwia Spurek ha affermato durante uno dei dibattiti al Parlamento europeo, che “non c’è stato di diritto” e non ci sono “diritti umani in Polonia”.

La stessa eurodeputata dei Verdi su Twitter ha scritto che, secondo lei, la metà degli elettori alle elezioni presidenziali hanno votato per avere una Polonia “xenofoba, omofobica, contro i diritti delle donne” e che ci sarebbero state “zone libere da Lgbt” in Polonia.

I giuristi dell’Istituto Ordo Iuris ce l’hanno anche contro coloro che hanno parlato di collaborazione polacca ai campi di concentramento nazisti, come ha fatto Małgorzata Barbara Prokop‑Paczkowska, deputata della Camera polacca, che ha accusato i suoi connazionali di aver preso parte all’Olocausto, o la rivista britannica Daily Mail, che ha parlato di campi di sterminio “polacchi”, o il portale francese “France Culture” che ha scritto sulla presunta “responsabilità della Polonia per i crimini del Terzo Reich”.

Secondo Ordo Iuris, l’Istituto farà causa anche al tedesco Hans G., che ha gridato ai suoi dipendenti polacchi che li avrebbe “uccisi tutti i polacchi”, perché sono “nazisti”.

In tutti questi casi, Ordo Iuris ha annunciato azioni legali. Un elemento della nuova campagna dell’Istituto è un rapporto che denuncia la falsità delle accuse mosse dagli attivisti LGBT. La pubblicazione inizia con la presentazione dei risultati della ricerca dell’Agenzia europea per i diritti fondamentali. Questi studi mostrano – contrariamente alla narrativa imposta – che la Polonia non è un paese in cui ci sarebbe un numero maggiore di casi di discriminazione nei confronti delle persone a causa delle loro inclinazioni omosessuali o dei disturbi dell’identità di genere rispetto ad altri paesi europei.

Inoltre, per molti aspetti la situazione di queste persone in Polonia è migliore che nella maggior parte dei paesi europei. Ad esempio, episodi di bullismo o minacce, nonché gli ostacoli all’accesso alla salute o al lavoro, sono tra i più rari in Europa.

Come si legge nel report polacco, il rapporto analizza anche la classifica preparata e distribuita dall’International Lesbian and Gay Association (ILGA), che indicherebbe che la Polonia occupa una posizione lontana in Europa in termini di “livello di rispetto dei diritti umani” delle persone con inclinazioni omosessuali “o identità di genere disturbata”. Risulta, invece, che la maggior parte dei criteri su cui si è basata la classifica non si riferiscono affatto ai diritti umani e non basati su documenti internazionali vincolanti. Piuttosto, è un’agenda politica dettagliata degli attivisti LGBT e uno strumento per soddisfare le loro aspettative arbitrarie.

Secondo un’altra accusa analizzata nel rapporto, il cambiamento negli atteggiamenti pubblici verso la disapprovazione delle richieste politiche degli attivisti LGBT avrebbe fatto seguito ad una presunta campagna politica rivolta a persone con inclinazioni omosessuali. In realtà questo cambiamento è avvenuto dopo numerosi atti di provocazione e insulti a simboli patriottici e religiosi (emblema di stato, immagini di Cristo e di Maria, parodie della Santa Messa), che si sono susseguite per molti mesi in Polonia.

Il rapporto indica, tra l’altro, “che tutti gli obblighi internazionali vincolanti per la Polonia, e gli obblighi derivanti dal diritto dell’UE nel campo della lotta alla discriminazione e in altri settori chiave, sono stati attuati dalla Polonia. Le persone con inclinazioni omosessuali o un’identità di genere disturbata possono, alle stesse condizioni degli altri cittadini, utilizzare misure di protezione civile e penale. Possono esercitare liberamente i diritti e le libertà, compresa la libertà di associazione, la libertà di riunione e la libertà di parola. In quest’ultima area, gli attivisti LGBT sembrano essere un gruppo privilegiato. Tuttavia, stanno spingendo attraverso modifiche alla bozza di legge volte a limitare la libertà di parola dei loro oppositori”.

“Si utilizzano affermazioni autentiche integrandole con informazioni false. Pertanto, vengono create narrazioni errate, che sono il primo passo per il successo della disinformazione”, ha sottolineato l’avvocato Jerzy Kwaśniewski, presidente dell’Ordo Iuris.

 


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments