Il Vangelo non si può metterlo in catene, ma c’è sempre chi tenta di farlo!


Chi fa il bene ama la luce. Dio è luce, il Vangelo è luce: i veri fedeli sono figli della luce

Di Padre Giuseppe Tagliareni

 

“Molti segni e prodigi avvenivano fra il popolo per opera degli apostoli” (At 5,12) e così il numero dei credenti aumentava. Essi ogni giorno salivano al tempio di Gerusalemme e stavano sotto il portico di Salomone, a parlare di Gesù e del Vangelo a tutti quelli che venivano.

La gente portava malati e persone disturbate dai demoni: tutti venivano guariti e liberati. I capi dei giudei, ostili a Gesù, non potevano sopportare una simile cosa e fecero arrestare gli Apostoli. Messi in prigione, durante la notte un angelo di Dio li liberò e disse: “Andate e proclamate al popolo, nel tempio, tutte queste parole di vita” (v.20). E così fecero fin dalle prime ore dell’alba, parlando della salvezza di Cristo.

Quando le guardie andarono per prelevare i Dodici dal carcere non trovarono nessuno, pur essendo la prigione scrupolosamente chiusa. Poi qualcuno li vide al tempio e li denunciò. Così le guardie andarono a prenderli, ma senza violenza, per paura del popolo. A quanto sembra, il Vangelo non si può metterlo in catene! Ma c’è sempre chi tenta di farlo.

“Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna” (Gv 3,16): qui c’è tutto il Vangelo. Ma non tutti l’accettano; coloro che fanno il male, odiano la luce e operano nelle tenebre; al contrario chi fa il bene, ama la luce. Dio è luce, il Vangelo è luce; i veri fedeli sono figli della luce.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments