Gli anziani e la trasmissione ai giovani di esperienze di vita e fede


IL PASSO EVANGELICO SCELTO DA PAPA FRANCESCO PER LA PRIMA “GIORNATA MONDIALE DEI NONNI E DEGLI ANZIANI”, INDETTA PER DOMENICA 25 LUGLIO, È “IO SONO CON TE TUTTI I GIORNI” (MT 28,20): PROMESSA DI VICINANZA E SPERANZA

Di Giuseppe Brienza

Per il prossimo 25 luglio, XVII Domenica del Tempo ordinario e vigilia della memoria liturgica dei santi Gioacchino e Anna – i nonni di Gesù -, Papa Francesco ha indetto la I Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani.

Il tema scelto dal Santo Padre per la nuova iniziativa intrapresa nell’ambito dell’Anno speciale “Famiglia Amoris laetitia”, informa un comunicato del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, è “Io sono con te tutti i giorni” (cfr. Mt 28,20), passaggio evangelico che intende esprimere la vicinanza del Signore e della Chiesa alla vita di ciascun anziano, specialmente in questo tempo difficile di emergenza sanitaria e sociale.

Io sono con te tutti i giorni” è anche una promessa di vicinanza e speranza che giovani e anziani possono esprimersi a vicenda. Non solo i nipoti e i giovani, infatti, sono chiamati a farsi presenti nella vita degli anziani, ma anche anziani e nonni hanno una missione evangelizzatrice, di annuncio, di preghiera e di generazione dei giovani alla fede.

Per favorire la celebrazione della Giornata nelle chiese locali e nelle realtà associative, il Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita proporrà, da metà giugno, alcuni strumenti pastorali che saranno disponibili sul sito www.amorislaetitia.va.

Durante l’Angelus del 31 gennaio scorso il Santo Padre ha spiegato che “lo Spirito Santo suscita ancora oggi negli anziani pensieri e parole di saggezza: la loro voce è preziosa perché canta le lodi di Dio e custodisce le radici dei popoli. Essi ci ricordano che la vecchiaia è un dono e che i nonni sono l’anello di congiunzione tra le generazioni, per trasmettere ai giovani esperienza di vita e di fede. I nonni, tanti volte sono dimenticati e noi dimentichiamo questa ricchezza di custodire le radici e di trasmettere. Per questo, ho deciso di istituire la Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani, che si terrà in tutta la Chiesa ogni anno la quarta domenica di luglio, in prossimità della ricorrenza dei Santi Gioacchino e Anna, i ‘nonni’ di Gesù. È importante che i nonni incontrino i nipoti e che i nipoti si incontrino con i nonni, perché – come dice il profeta Gioele – i nonni davanti ai nipoti sogneranno, avranno illusioni [grandi desideri], e i giovani, prendendo forza dai nonni, andranno avanti, profetizzeranno”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments