Il cardinal Müller su vescovi e teologi tedeschi: “sono arroganti e prepotenti”


Il cardinale Gerhard Ludwig Müller sulla crisi della Chiesa in Germania: “ci sono vescovi e teologi che agiscono con arroganza e prepotenza per ‘aprire’ la Chiesa. La fede non può essere alterata dalle maggioranze democratiche, né dai vescovi, tanto meno dai laici”. E chiede ai fedeli di resistere ai vescovi eterodossi, come ai tempi dell’arianesimo e del donatismo.

A cura di Angelica La Rosa

Intervistato da Lothar C. Rilinger per Kat.net il cardinale Gerhard Ludwig Müller, Prefetto emerito della Congregazione per la dottrina della fede, ha spiegato che “esiste una sola Chiesa cattolica, che – secondo una formulazione del Vaticano II nel decreto Lumen Gentium, art. 23- è formato ‘da chiese locali’. In Germania ci sono 27 chiese locali, cioè diocesi o vescovadi, ciascuna guidata da un vescovo. La Conferenza episcopale non è al di sopra dei vescovi. E certamente il presidente della conferenza, attualmente vescovo Bätzing di Limburg, non è il capo dei vescovi o – nella formulazione assurda di ZdF e ARD – il ‘cattolico di più alto rango in Germania’. Non ha alcuna competenza magisteriale che vada un millimetro oltre l’autorità di insegnamento di ciascuno dei suoi fratelli nell’episcopato, che viene da Cristo. Certamente, non è – anche come portavoce della maggior parte dei vescovi – un contrappeso a ‘Roma’, caricando il rapporto del Papa e dei vescovi in ​​un indegno gioco per il potere nella Chiesa. L’idea che esista una chiesa tedesca, il cui principio di unità sarebbe una nazione la cui pretesa di leadership nel mondo ha causato le peggiori esperienze, è assolutamente anti-cattolica. In realtà, ciò che è tipicamente tedesco è l’arroganza e la prepotenza di alcuni vescovi e teologi nella loro pretesa di essere l’avanguardia per il resto della chiesa mondiale arretrata. I principi dell’ecumenismo cattolico sono esposti molto chiaramente nel decreto sull’ecumenismo del Vaticano II. La misura della convergenza di cristiani separati nel credo, nella liturgia e nella concezione della natura e della forma della Chiesa è la verità della rivelazione, non il mero sentimento emotivo di appartenenza”.

Per il porporato tedesco la chiesa non deve essere rilevante come “religione civile” ma “per la salvezza eterna di ogni essere umano e la loro chiamata alla libertà e alla gloria dei figli di Dio”.

Secondo il cardinale Müller l’episcopato cattolico universale con il Papa come principio della sua unità (il Pontefice aiutato dalle Congregazioni romane) “è molto importante per la conservazione della verità della fede e per l’unità della Chiesa. Sono solo ministri della Parola di Dio e del Vangelo di Cristo, che è pienamente comunicato nella Sacra Scrittura e nella Tradizione Apostolica. D’altra parte, non sono destinatari e mediatori di una nuova rivelazione. Al di là di Cristo non c’è rivelazione nuova perché Lui è il Verbo di Dio fatto carne : la via, la verità e la vita di Dio per noi nella sua persona. I vescovi pseudo-progressisti o i funzionari laici viziati dal pubblico liberale non hanno l’autorità di presentare le loro opinioni personali o collettive come fede della Chiesa basata sulla Rivelazione. Né hanno alcuna autorità per imporre quelle opinioni ai loro presunti subordinati o per instillarle come proprie convinzioni. La moltitudine di vescovi che caddero nel donatismo o nell’arianesimo, ma che furono promossi dallo Stato, furono coraggiosamente resistiti dai fedeli cattolici, che sottolinearono la Sacra Scrittura e il Credo della Chiesa. L’attuale forma di persecuzione qui in ‘Occidente’ consiste nell’ambiente anticristiano provocato da campagne mediatiche in cui i fedeli vengono diffamati monotonamente, in modi privi di fantasia e fatali, come fondamentalisti o ultra conservatori, e messi a tacere”.

Riflettendo sul principio di democrazia (e maggioranza) che in Germania vogliono introdurre nella Chiesa cattolica romana, il cardinale ha spiegato che i laici partecipano pienamente alla vita della Chiesa attraverso la professione di fede, il battesimo e la vita di sequela di Cristo. “La Chiesa non è composta da classi, ma piuttosto ognuno partecipa all’intera vita della Chiesa secondo la propria vocazione e assegnazione nel contesto della martiria/testimonianza, liturgia e diaconia. Dietro la denuncia ipocrita e tatticamente astuta, che è persino formulata come un’accusa di ‘non partecipare ai processi decisionali’, non c’è la volontà di fare sacrifici o di assumere sofferenza e persecuzione anche per aver confessato Cristo, ma piuttosto la pretesa di rimodellare la Chiesa secondo le proprie idee e mettersi in una posizione vantaggiosa”.

Secondo il porporato “se anche i vescovi e il Papa, come successori degli apostoli, non devono decidere sulla fede e sulla dottrina morale, ma sono chiamati solo all’obbedienza esemplare alla Parola di Dio, chi vuole essere cattolico oggi non può imporre le sue opinioni come in un processo parlamentare e, con la maggioranza di un organo, impone a tutta la Chiesa un credo diverso o una costituzione da lui stesso fatta. Neanche i funzionari laici assetati di potere possono decidere sulla Rivelazione. Le decisioni dei Concili ecumenici non contengono mandati su ciò che i laici dovrebbero credere, ma si limitano a dire in modo udibile a tutto ciò che contiene l’Apocalisse e come gli eretici si sono deviati dalla verità dell’Apocalisse e come gli scismatici si sono allontanati dalla unità della Chiesa. Lasciamo qui, per una volta, la questione della vostra buona volontà soggettiva tra parentesi. Ma è chiaro che l’opinione della maggioranza dei vescovi e dei laici tedeschi, secondo il quale l’ente privato del ‘Cammino sinodale’, che non è previsto né dal dogma né dal diritto canonico, può prendere anche decisioni che deviano dalla fede cattolica, non trova fondamento nella concezione cattolica della Chiesa ed è rafforzato solo dall’apparenza del potere dei media e dall’ampiezza delle risorse finanziarie. Nessun cattolico può essere costretto a fare qualcosa in base alle decisioni del ‘Cammino sinodale’, e quindi nessuno deve lasciare la Chiesa delusa, ma “combattere il nobile combattimento, preservando la fede e la buona coscienza” (1Tim 1, 18-19) , per non deviare dal sentiero della fede (1Tim 6:21)”.

Il cardinale ha spiegato perché non è possibile procedere a colpi maggioranza. “Il buon nome della democrazia è stato abusato. La democrazia nel senso della nostra costituzione, che si basa sui diritti umani elementari, è un consenso che tiene insieme tutti i gruppi in Germania. Ma se la Chiesa è il popolo eletto di Dio, allora deve essere chiaro a tutti che ciò che è in gioco non è l’adozione di buone costituzioni di stato o il rifiuto di quelle cattive, ma la salvezza eterna dell’uomo, di cui ci appropriamo attraverso la Parola di Dio e i mezzi sacramentali della grazia. Nello stato democratico, si tratta di una giusta regolamentazione dei rapporti tra i cittadini. Nella Chiesa, invece, si tratta del nostro rapporto con Dio e, quindi, anche con il prossimo, nell’amore che unisce ciascuno dei cristiani come membri di tutto il Corpo di Cristo (cfr Col 3,14). Per la comunione dei credenti, Cristo stesso ha chiamato gli Apostoli nello Spirito Santo. Il suo ministero è continuato per sempre dai suoi successori nell’episcopato, che sono assistiti da sacerdoti e diaconi”.

Per il cardinale non è concepibile che, sulla base delle decisioni a maggioranza, i laici decidano sulle dottrine della fede nell’ambito di un sinodo. “Non è possibile nemmeno per i vescovi in ​​un concilio. La fede non è la sommatoria delle opinioni umane sulle cose divine, ma la percezione, ispirata dallo Spirito Santo, della verità rivelata della Trinità di Dio, della creazione e dell’alleanza, dell’Incarnazione del Figlio di Dio, del significato salvifico della Croce e della Risurrezione di Cristo, dell’efficacia salvifica del Battesimo, dell’Eucaristia e di tutto ciò che possiamo trovare nella conoscenza della fede della Chiesa. I concili infallibili o le decisioni fondamentali dei papi non hanno aggiunto nulla alla Rivelazione che ha la sua pienezza insuperabile in Cristo, ma hanno solo detto ciò che è contenuto in essa. La sfacciata presunzione di trasformare le dottrine concrete della fede nel loro opposto sotto le spoglie di un apparente avanzamento del dogma, con l’intento di renderlo più facilmente digeribile per l’uomo moderno, deve essere respinta per quello che è: una contraffazione del Vangelo di Cristo, come ricorda 2 Tim 4,3 e seguenti”.

Il Prefetto emerito della Congregazione per la dottrina della Fede ha ricordato che “il concetto di riforma della Chiesa deve essere definito teologicamente come il rinnovamento dei fedeli in Cristo, capo del Corpo di cui siamo membri come persone battezzate. Oggi si applica alla Chiesa in modo secolarizzato, così come dagli anni Sessanta si parla di riformare la pedagogia, l’università, l’economia, lo stato sociale, ecc. Senza ulteriori indugi, possiamo anche parlare in senso tecnico di una riforma dell’amministrazione ecclesiastica, della formazione dei teologi, ecc. Ma la Chiesa come casa e popolo di Dio, quella del Padre, come corpo di Cristo, come il gregge il cui buon pastore è Gesù stesso, come tempio dello Spirito Santo, come sacerdozio regale che annuncia e comunica la salvezza di Dio al mondo, come sacramento onnipresente della salvezza del mondo in Gesù Cristo – questa Chiesa non può diventare l’oggetto della nostra volontà di riforma. Questa sarebbe la presunzione umana per migliorare le opere di Dio e renderle adatte al futuro, nello stesso modo in cui si loderebbe Adam Opel come fondatore dell’azienda in una riunione aziendale, ma ovviamente offrire al cliente di oggi, non il tuo vecchio modello, ma l’alta tecnologia più avanzata. Non abbiamo bisogno di ingegneri ecclesiastici, modellisti, futuri visionari e burocrati della pianificazione o, per dirla biblicamente, ‘pastori che si autoalimentano’ ma che si defilano quando viene loro richiesta la confessione della verità di Dio, quando vengono derisi o quando vengono considerati estranei al mondo”.

Concludendo la sua intervista il cardinale ha ricordato che “essendo la figura più importante nella storia della salvezza dopo Cristo, non è necessario modernizzare sua madre Maria, in linguaggio informatico. La parola che rivolse ai servi durante le nozze di Cana era, è e continua ad essere attuale per ogni credente ed è valida ancora oggi: ‘Fate quello che vi dirà’ (Gv 2,5). Dobbiamo riempire d’acqua le giare, testimoniare il Vangelo con le parole e con i fatti e riporre tutta la nostra fiducia in Cristo, che può trasformare la sua grazia divina in vino. La Chiesa diventa rilevante e attraente per il mondo non attraverso le nostre scarse proposte di riforma, ma quando le persone riconoscono la fede dei suoi discepoli in Gesù, che ‘ha rivelato la sua gloria’ nei suoi miracoli, segni e atti di potere, e tutto questo riassume nella croce e nella risurrezione”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments