Spie e diplomatici espulsi: dovremmo avere paura della Russia?


JOZEF MIKLOŠKO (DAL 2000 AL 2005 AMBASCIATORE SLOVACCO IN ITALIA): “NON DOBBIAMO AVER PAURA DELLA RUSSIA, NON VUOLE ATTACCARCI. I RUSSI NON HANNO BISOGNO DI DIFFONDERE UN’IDEOLOGIA COME L’EX UNIONE SOVIETICA, PERCHÉ IL MARXISMO ORA È PIÙ PRESENTE NELLE UNIVERSITÀ OCCIDENTALI. LA RUSSIA, DOPO 70 ANNI DI ATEIZZAZIONE COMUNISTA, È SEMPRE PIÙ ORIENTATA AL CRISTIANESIMO”

A cura di Angelica La Rosa  

Come è accaduto a marzo in Italia (dove un ufficiale della Marina militare è stato arrestato dopo uno scambio di documenti top secret con un ufficiale delle Forze armate russe in cambio di 5mila euro, mentre l’Italia ha espulso due funzionari russi), lo scorso sabato 17 aprile la Repubblica Ceca ha annunciato l’espulsione di 18 dipendenti dell’ambasciata russa a Praga, identificati come ufficiali dei servizi segreti.

Secondo i funzionari cechi, vi è un ragionevole sospetto del coinvolgimento di ufficiali russi del GRU, unità 291155, nell’esplosione di depositi di munizioni nel complesso di Vrbětice nel 2014. A questo proposito, la Repubblica slovacca ha espresso solidarietà al suo vicino ed ha espulso tre diplomatici.

Il primo deposito di munizioni a Vrbětice era esploso, causando la morte di due persone, il 16 ottobre 2014 mentre il secondo era esploso il 3 dicembre dello stesso anno. Adesso la polizia ceca sta indagando sulle esplosioni come reato di pericolo generale.

La polizia ceca ha successivamente annunciato anche una ricerca dei cittadini russi Alexander Petrov e Ruslan Boshirov, che il Regno Unito sospetta di aver avvelenato l’ex ufficiale del GRU Sergei Skripal. Secondo il procuratore generale ceco, dovrebbero essere anche loro i responsabili dell’esplosione nel magazzino. Il terzo sospettato è Sergei Fedotov, che, secondo le sue parole, ha lavorato come parte di una missione diplomatica russa nella Repubblica Ceca. In risposta all’azione della Repubblica Ceca, Mosca ha espulso 20 dipendenti dell’ambasciata ceca. Tra loro c’è, con grande sorpresa per Praga, il vice ambasciatore.

Dopo la reazione russa, lunedì 19 aprile, il primo ministro ceco Andrej Babiš ha ha corretto le sue dichiarazioni. Ha affermato che le esplosioni a Vrbětice non possono essere considerate un atto di terrorismo di stato. Secondo lui, si trattava di un attacco alle merci di un commerciante bulgaro e non di un’azione contro la Repubblica ceca. Tuttavia, ha affermato che le prove della partecipazione dei russi all’esplosione di Vrbětice sono convincenti. Ha affermato che i servizi segreti cechi stanno lavorando per scoprire il caso con partner stranieri. Naturalmente l’azienda bulgara nega tutto ciò. Allo stesso tempo, in risposta alle informazioni pubblicate, il governo ceco ha escluso Rosatom tra gli offerenti per la partecipazione alla gara per la costruzione di una nuova unità di potenza della centrale nucleare di Dukovany nel sud-est del Paese. La società statale Rosatom ha risposto, definendo la decisione non di mercato e politicamente impegnata.

Il vice primo ministro ceco Ján Hamáček ha chiesto agli Stati membri dell’Unione europea e ai paesi partner della NATO di mostrare solidarietà al suo paese e di procedere con l’espulsione di diplomatici russi.

In Slovacchia, questa richiesta è stata fatta dal partito Progressive Slovakia (PS), che ha chiesto l’espulsione di agenti russi dall’ambasciata a Bratislava. Il ministro degli Affari esteri e degli Affari europei della Repubblica slovacca Ivan Korčok ha condannato “le attività sovversive volte alla sicurezza della Repubblica ceca”. Nel suo profilo sul social e sulla rete di microblogging, ha sostenuto la Repubblica Ceca, che ha descritto come l’alleato più vicino della Slovacchia.

“I casi dei depositi di munizioni di Vrbětice, ma anche di Salisbury, sono la prova più visibile delle loro attività mirate e dannose in Europa, dove il governo russo non si sottrae dall’uccisione di cittadini innocenti di altri paesi. Tale comportamento da parte della Federazione Russa è inammissibile e deve essere chiaramente indicato e punito. Insieme all’annessione illegale della Crimea, al coinvolgimento militare nel conflitto nell’Ucraina sudorientale, ai trasferimenti sospetti senza preavviso di truppe in tutto il mondo, alle violazioni mirate dei loro obblighi internazionali e alle campagne di disinformazione mirate”, ha dichiarato Jaroslav Naď, il ministro della Difesa slovacco.

“La Repubblica slovacca conferma il suo interesse a costruire relazioni con la Federazione Russa, che saranno basate sul rispetto reciproco. Allo stesso tempo, ci aspettiamo che i rappresentanti della diplomazia della missione russa contribuiscano a questo, rispettando i principi di condotta basati sulle convenzioni internazionali pertinenti”, hanno affermato il primo ministro Eduard Heger, il ministro della Difesa Jaroslav Naď e il ministro degli esteri Ivan Korčko. I tre ministri hanno ribadito la loro solidarietà e il loro pieno sostegno alla Repubblica Ceca. Secondo il presidente del Consiglio, “la decisione di espulsione è stata preceduta da una valutazione approfondita delle informazioni dei nostri servizi di intelligence”. In risposta alla mossa del governo slovacco, il ministero degli Esteri russo ha annunciato che “la risposta non richiederà molto tempo”.

“Alla maggior parte dei cechi la Russia non piace. Molti hanno paura della Russia”, ha ricordato Zdenek Čech nella prefazione del libro di Veronika Salminen “Dovremmo avere paura della Russia?”. L’autrice è una storica comparativa, analista politica e nel libro guarda alla Russia in un contesto storico, geografico, culturale e religioso.

A giudizio di Jozef Mikloško (dal 2000 al 2005 ambasciatore Slovacco in Italia, leggi la sua storia QUI) “non dobbiamo aver paura della Russia, non vuole attaccarci, anche se i ministri Korčok e Naď affermano il contrario. I russi non hanno bisogno del territorio straniero, ne hanno abbastanza di loro. Non hanno nemmeno bisogno di materie prime, hanno tutto, gas e gasolio. Non hanno bisogno di diffondere un’ideologia come l’ex Unione Sovietica, perché il marxismo ora è più nelle università occidentali. Respingono il liberalismo e le sue libertà illimitate. Non hanno nemmeno bisogno di difendere i loro connazionali, che non sono in pericolo di nulla nel nostro Paese. Apprezzo che la Russia, anche dopo 70 anni di ateizzazione comunista, sia sempre più orientata al cristianesimo. Il mondo si rese conto, ma non le sue élite, che la crescita illimitata aveva già raggiunto i suoi limiti, che le risorse del pianeta erano limitate. Anche la stampa economica di carte chiamate dollari o euro non funziona”.

“La colonizzazione e lo sfruttamento di altri paesi stanno diventando sempre più difficili. I russi sono stati distrutti dal comunismo per 70 anni, ma non si sono fatti distruggere. Le persone hanno sofferto molto, quindi sanno molto e possono sopportare molto. Anche le persone semplici apprezzano ancora l’arte, la letteratura e la musica. Chi vuole attaccarli dovrebbe ricordare come sono finiti in Russia francesi e tedeschi. L’ultima guerra è costata all’Unione Sovietica 11 milioni di vite di soldati e oltre 15 milioni di vite di civili. Non c’è stata famiglia che non si è addolorata per la morte di qualcuno. Ho letto molti libri di scrittori russi a riguardo, ho letto anche della storia di mia madre, che non è tornata dalla guerra”.

“Nel 1968, anche a causa dei cechi, ci affrettammo troppo tra le braccia dell’Occidente. Per 21 anni, i sovietici e altri eserciti ci hanno occupato e ‘normalizzato’ duramente. Noi cristiani abbiamo rifiutato il comunismo sovietico, ma anche il capitalismo, che ricerca il denaro, il profitto e il successo a tutti i costi. L’insegnamento sociale della Chiesa è lontano da entrambi questi sistemi. Il presidente Eltsin, sebbene abbia bandito il PCUS e confiscato le loro proprietà, ha ascoltato troppo i consiglieri occidentali che hanno saccheggiato la Russia. Oggi i cechi hanno iniziato una campagna inutile contro la Russia, che pagheranno. La Slovacchia è un piccolo stato slavo, dovrebbe avere un corretto rapporto con l’Occidente e l’Oriente. Spero che gli slovacchi abbiano ancora buon senso, anche se hanno mostrato un’iniziativa imbarazzante espellendo per ‘solidarietà’ dei diplomatici russi. Oggi la Russia si sta sviluppando in modo sorprendente, con gli Stati occidentali e gli Stati Uniti che mantengono il loro standard, soprattutto sui debiti difficili da ripagare. L’obiettivo principale oggi è mantenere la pace in cui l’Europa vive da 76 anni. La guerra è facile da iniziare, sposterebbe rapidamente l’umanità di 100 anni indietro. Anche i russi lo sanno, ed è per questo che gli slovacchi non devono averne paura: la Russia di oggi non è l’Unione Sovietica”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments