Il regista invisibile della storia è Gesù: è bene saperlo!


Chiese l’unità di spirito, la difesa dal Maligno, la comunione nell’amore vicendevole.

Di Padre Giuseppe Tagliareni

Arrivato a Gerusalemme, Paolo venne riconosciuto dai suoi nemici, che lo accusavano di voler sovvertire la Legge di Mosè. Piombarono su di lui e lo avrebbero linciato, se non fossero intervenuti i soldati romani. Egli tentò la sua difesa raccontando le circostanze della sua conversione a Cristo sulla via di Damasco, ma inutilmente.

Il comandante della coorte lo volle mettere a confronto dei suoi accusatori nel sinedrio radunato apposta. “Paolo, sapendo che una parte era di sadducei e una parte di farisei, disse a gran voce nel sinedrio: “Fratelli, io sono fariseo, figlio di farisei; sono chiamato in giudizio a motivo della speranza nella risurrezione dei morti” (At 23,6).

Successe un pandemonio tra gli stessi sinedristi. Il comandante della coorte lo fece prelevare e ricondurre nella fortezza. Gesù gli apparve e gli disse: «Coraggio! Come hai testimoniato a Gerusalemme le cose che mi riguardano, così è necessario che tu dia testimonianza anche a Roma» (v.11). Il regista invisibile della storia è Gesù: è bene saperlo. Tutto è nelle sue mani.

Prima della sua Passione, Gesù pregò a voce alta per i suoi che lo avevano accettato e per quelli che, per la loro parola, avrebbero creduto in seguito. Chiese l’unità di spirito, la difesa dal Maligno, la comunione nell’amore vicendevole.

“Ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l’amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro”.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments