Ci vuole Gesù e solo Maria lo porta


Festa della Visitazione della B.V. Maria

Di Padre Giuseppe Tagliareni

Saputo dall’angelo Gabriele che la cugina Elisabetta prima sterile, era al sesto mese di gravidanza, Maria volle andare a visitarla per rallegrarsi con lei del dono ricevuto, dopo tanta attesa.

Elisabetta portava nel grembo colui che doveva essere il precursore del Cristo. L’incontro delle due madri fu un tripudio di Spirito Santo, che rivelò con la venuta di Maria, l’arrivo dei tempi messianici promessi da Dio.

Elisabetta “esclamò a gran voce: “Benedetta tu fra le donne, e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me?” (Lc 1,42-43).

Maria porta in grembo Gesù da poco concepito. Il suo cuore è pieno della gioia messianica: Dio è fedele alle promesse! È finalmente arrivato il Redentore d’Israele e di tutta l’umanità.

Il “Magnificat” della Vergine canta la sua grandezza, la sua misericordia, la sua benevolenza per i poveri in spirito e la sua potenza: “abbatte i potenti dai troni, innalza gli umili; ricolma di beni gli affamati, rimanda i ricchi a mani vuote” (vv.52-53).

“”Non temere, Sion, non lasciarti cadere le braccia! Il Signore tuo Dio in mezzo a te è un salvatore potente. Esulterà di gioia per te, ti rinnoverà con il suo amore, si rallegrerà per te con grida di gioia, come nei giorni di festa”.

In tempi di pandemia, di chiusure, di licenziamenti… la disperazione è di casa. Ci vuole un Salvatore re potente: è Gesù, ed è solo Maria che lo porta.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments